BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FORMULA 1/ Alonso centra il secondo successo consecutivo. Penalizzato Bourdais, Massa rosicchia due punti a Hamilton

Pubblicazione:

massa_hamiltonR375_12ott08.jpg

Ciò che accomuna queste ultime gare di F1 che vedono in lotta Hamilton e Felipe Massa per la conquista del mondiale piloti sono proprio gli errori dei due protagonisti e delle rispettive, ovviamente, scuderie. Sul circuito del Fuji entrambi subiscono la penalità di un drive-through per troppa foga e scarsa lucidità nei momenti chiave. Alla partenza Hamilton, che scattava dalla pole, è bruciato da un buono spunto di Raikkonen: l’inglesino della Mclaren non ci sta e tenta a sua volta il sorpasso che non ci sta ai danni del ferrarista, allunga la frenata ma ormai è troppo tardi, deve allargare e costringe Kimi ad allargare a sua volta. Risultato? I due vengono sfilati da Kubica, Alonso,  Kovalainen, Trulli e Massa.

 

Ma non è finita. Dopo pochi giri, un Hamilton scatenato tenta il sorpasso ai danni di Massa che, nel tentativo di resistergli, taglia, anche se di poco, la chicane lo tocca e lo manda in testacoda. Il pilota britannico riprende la gara in ultima posizione e deve rientrare ai box per controllare la sua monoposto. Intanto i giudici mettono sotto inchiesta i due e infliggono ad entrambi la penalità. Ad Hamilton per la manovra al via ai danni di Raikkonen e per Massa per la toccata ad Hamilton, conseguenza  del taglio della chicane. Massa, poi, grazie ad un buon finale, riuscirà a chiudere in ottava posizione. Intanto, la davanti, ritroviamo in testa al gruppo Kubica seguito da un rinato Alonso con la Renault. Proprio quest’ultimo approfitta della sosta ai box di Kubica per spingere a fondo e per passare il polacco in occasione del suo pit stop. Da lì sino alla fine il pilota iberico non sbaglia nulla e si porta a casa un meritatiossimo successo (il secondo consecutivo dopo quello colto a Singapore) ma, quel che più conta, dimostra ancora una volta, se mai ce ne fosse stato bisogno, di essere un grande campione. Con il secondo posto e visto come vanno le cose tra i due di testa, Kubica non spegne le speranze in chiave mondiale: ora è a 12 punti da Hamilton quando al temine della stagione mancano i soli granpremi di Cina e Brasile. Buon terzo posto per Raikkonen, privato della testa della corsa in partenza dalla voglia di strafare dell’ancora immaturo Hamilton. Quarto, a coronare la bella giornata per la Renault, Nelsinho Piquet, autore di una gara tatticamente perfetta, seguito da un ottimo Trulli e dalle Toro Rosso di Bourdais e Vettel. Giornata magra per le frecce d’argento che si mettono in tasca un doppio zero punti: oltre allo zero intascato da Hamilton nella classifica piloti, altro zero in classifica costruttori, a causa del ritiro di Kovalainen per noie meccaniche e perdita del primato a favore della Ferrari.

 

Ma le sorprese continuano nel dopo gara. Sebastian Bourdais, infatti, dopo essere arrivato sesto al traguardo, è stato penalizzato dai commissari per la collisione con Felipe Massa avvenuta all’uscita dei box. I giudici hanno deciso di sanzionare il contatto avvenuto tra i due e che ha mandato in testacoda la Ferrari di Massa. Cambia, così, l’ordine d’arrivo del granpremio del Giappone, con Massa che scala di una posizione passando dall’ottava alla settima  e si aggiudica non uno ma bensì due punti. In classifica generale il divario da Hamilton scende a 5 punti, con l’inglese a quota 84 e il brasiliano della Ferrari a 79.

 

Fernando Alonso stenta ancora a credere al brillante risultato: «E' abbastanza difficile da credere, era inattesa la vittoria di Singapore e oggi ho semplicemente vinto ancora. Non ci credo mi dovete dare ancora un po' di tempo. E' incredibile per noi aver messo dietro Ferrari e McLaren».

 

Per Kubica un secondo posto che riaccende qualche speranza : «Non è stata una buona partenza la mia, e bisogna dire che Alonso ha fatto un lavoro eccellente che gli ha consentito di andare con pieno merito là davanti. Ho avuto anche un po' di problemi con gli pneumatici che via via si sono risolti ma quando la situazione si è stabilizzata la vettura ha trovato un ottimo equilibrio e non ho avuto difficoltà a mantenere il secondo posto».

 

Ordine d'arrivo

Pos No Driver Team Laps Time/Retired Grid Pts
1 5 Fernando Alonso Renault 67 1:30:21.892 4 10
2 4 Robert Kubica BMW Sauber 67 +5.2 secs 6 8
3 1 Kimi Räikkönen Ferrari 67 +6.4 secs 2 6
4 6 Nelsinho Piquet Renault 67 +20.5 secs 12 5
5 11 Jarno Trulli Toyota 67 +23.7 secs 7 4
6 14 Sebastien Bourdais STR-Ferrari 67 +34.0 secs 10 3
7 15 Sebastian Vettel STR-Ferrari 67 +39.2 secs 9 3
8 2 Felipe Massa Ferrari 67 +46.1 secs 5 2
9 10 Mark Webber Red Bull-Renault 67 +50.8 secs 13 1
10 3 Nick Heidfeld BMW Sauber 67 +54.1 secs 16  
11 7 Nico Rosberg Williams-Toyota 67 +62.0 secs 15  
12 22 Lewis Hamilton McLaren-Mercedes 67 +78.9 secs 1  
13 17 Rubens Barrichello Honda 66 +1 Lap 17  
14 16 Jenson Button Honda 66 +1 Lap 18  
15 8 Kazuki Nakajima Williams-Toyota 66 +1 Lap 14  
Ret 21 Giancarlo Fisichella Force India-Ferrari 21 Gearbox 20  
Ret 23 Heikki Kovalainen McLaren-Mercedes 16 +51 Laps 3  
Ret 20 Adrian Sutil Force India-Ferrari 8 Puncture 19  
Ret 12 Timo Glock Toyota 6 +61 Laps 8  
Ret 9 David Coulthard Red Bull-Renault 0 Accident 11  
Fonte: formula1.com

 

 

Classifica Piloti 

Pos Driver Nationality Team Points
1 Lewis Hamilton British McLaren-Mercedes 84
2 Felipe Massa Brazilian Ferrari 79
3 Robert Kubica Polish BMW Sauber 72
4 Kimi Räikkönen Finnish Ferrari 63
5 Nick Heidfeld German BMW Sauber 56
6 Heikki Kovalainen Finnish McLaren-Mercedes 51
7 Fernando Alonso Spanish Renault 48
8 Jarno Trulli Italian Toyota 30
9 Sebastian Vettel German STR-Ferrari 29
10 Timo Glock German Toyota 20
11 Mark Webber Australian Red Bull-Renault 20
12 Nelsinho Piquet Brazilian Renault 18
13 Nico Rosberg German Williams-Toyota 17
14 Rubens Barrichello Brazilian Honda 11
15 Kazuki Nakajima Japanese Williams-Toyota 9
16 David Coulthard British Red Bull-Renault 8
17 Sebastien Bourdais French STR-Ferrari 7
18 Jenson Button British Honda 3
19 Giancarlo Fisichella Italian Force India-Ferrari 0
20 Adrian Sutil German Force India-Ferrari 0
21 Takuma Sato Japanese Super Aguri-Honda 0
22 Anthony Davidson British Super Aguri-Honda 0
Fonte: formula1.com

 

 

Classifica costruttori

Pos Team Points
1 Ferrari 142
2 McLaren-Mercedes 135
3 BMW Sauber 128
4 Renault 66
5 Toyota 50
6 STR-Ferrari 36
7 Red Bull-Renault 28
8 Williams-Toyota 26
9 Honda 14
10 Force India-Ferrari 0
11 Super Aguri-Honda 0
Fonte: formula1.com

 

 

 

 



© Riproduzione Riservata.