BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FORMULA1/ In Turchia vince la Ferrari di Massa. Raikkonen (3°) ancora in testa al mondiale

Pubblicazione:

Ferrari-Massa_FN1.jpg

Felipe Massa conquista per la terza volta il Gp di Turchia e conferma che sul tracciato di Instanbul Park il pilota brasiliano e la sua Ferrari formano un binomio per ora imbattibile. Alle sue spalle un grintoso Lewis Hamilton e Kimi Raikkonen. La gara si decide come al solito al via. Sullo schieramento tutti montano pneumatici a mescola dura con le sole eccezioni delle due Ferrari, della BMW di Heidfeld e della Honda di Barrichello. Massa parte bene e mantiene la testa della corsa, alle sue spalle Hamilton passa il compagno di scuderia Kovalainen e Raikkonen, nel tentativo di superare il connazionale, per evitare il contatto con quest’ultimo, deve allargare leggermente la traiettoria e viene sfilato da Kubica e Alonso.
Incidente al via tra Fisichella e Nakajima, per fortuna senza conseguenze per i piloti, e ingresso della safety car. Kovalainen deve rientrare ai box per la foratura di un pneumatico causata dalla collisione con la Ferrari di Kimi e rientra in ultima posizione. Gara dunque in salita per il finlandese. Intanto, Raikkonen, nel corso del 3° giro, supera agevolmente Alonso e si mette alla caccia di Kubica, che però mantiene la posizione. Per Kimi saranno decisivi, per la conquista del 2° gradino del podio, i secondi persi in questo frangente.

Ma la sorpresa arriva dopo il primo pit-stop, avvenuto per tutti tra il 16° e il 22 girio. Raikkonen è l’ultimo dei piloti di testa ad effettuare il cambio gomme e rientra in pista davanti a Kubica in terza posizione, mentre Hamilton guadagna decimi, giro dopo giro, su Massa e lo supera, portandosi al comando, nel corso del 24 giro. A questo punto diventa chiara la strategia del box McLaren: 3 soste per il pilota britannico per puntare alla vittoria. Intanto nelle retrovie a dare spettacolo ci pensa Kovalainen, che con i suoi sorpassi a Vettel, Glock, Rosberg e Button tenta di portarsi in zona punti. A 12 giri dal termine, Hamilton rientra ai box per il suo terzo pit-stop e rientra in pista alle spalle di Massa ma davanti a Raikkonen. Vani i tentativi di Kimi di scalzare dalla seconda posizione il pilota McLaren.
Buona anche la prova di Kubica, quarto davanti al suo compagno di scuderia Heidfeld.

Massa, alla sua seconda vittoria stagionale non nasconde la sua felicità: «E' stata una giornata veramente fantastica, anche se la gara è stata particolarmente difficile perchè Lewis che mi seguiva ha fatto pressione su di me per tutta la durata della gara. Vedevo che Hamilton era più veloce e ho pensato che doveva essere più leggero e quando me lo sono visto passare davanti non ho potuto far niente. Ero comunque ottimista perché sapevamo che molto probabilmente Lewis aveva programmato una strategia con 3 stop. E infatti così è stato e io sono ritornato al comando. E’ stato tutto veramente fantastico, è la terza volta qui in Turchia e vorrei quasi chiedere il passaporto e la nazionalità turca».
Per quanto riguarda le gomme il brasiliano parla di scelta difficile. «E' stato complicato scegliere perche' la differenza di prestazione tra le morbide e le dure non era così evidente. Abbiamo optato per le soft ma quando ho visto Lewis andare forte con le dure ho pensato che forse avevamo fatto un errore».
Ora Il pilota brasiliano guarda con fiducia al prossimo appuntamento a Montecarlo. «Abbiamo lavorato molto sul set-up per Montecarlo, quindi speriamo di avere una buona vettura per vincere anche lì».

Raikkonen fa buon viso a cattivo gioco. «Non posso essere certamente contento della mia partenza, mi sono trovato troppo all’interno e ho dovuto frenare. Purtroppo c’è stato un leggero contatto con Kovalainen che, poi ho saputo, ha forato. Un vero peccato, può capitare ma poteva succedere qualcosa di più negativo anche a me. Un week-end comunque abbastanza difficile ma, insomma, sono in terza posizione, servivano dei punti e li ho ottenuti. Speriamo di rifarci già dalla prossima gara. Pur avendo l’ala anteriore spezzata, non credo ci sia stata una perdita ma neanche un vantaggio. E’ difficile fare un calcolo su quanto diversamente mi sarei comportato, su come sarebbe andata la vettura senza questo piccolo inconveniente. Il tempo di qualifica di ieri è stato il vero punto debole su cui bisognerà lavorare. E' stato tutto il week-end ad essere difficile. Ce la metteremo tutta per per migliorare già per le due prossime gare che l’hanno scorso ci hanno visto in difficoltà».  
 
«Sono felice per la seconda posizione ottenuta qui. Secondo è meglio che terzo, anche se c’è un po’ di delusione per le qualifiche di ieri. I nostri tecnici hanno fatto un lavoro eccezionale ed è stata buona anche la strategia per quanto riguarda il carburante imbarcato. Direi che la gara è andata come doveva andare, anche se sapevamo che sarebbe stata dura battere le Ferrari. Buona anche la scelta dei pneumatici a mescola dura che mi hanno permesso di spingere e di tenere il passo di Felipe. Devo ringraziare il team che ha fatto un lavoro eccezionale nei pit-stop» ha affermato Hamilton.
 
Ordine d'arrivo
1 Massa Ferrari 1h26:49.451
2 Hamilton  McLaren-Mercedes + 3.779
3 Raikkonen  Ferrari + 4.271
4 Kubica BMW Sauber + 21.945
5 Heidfeld BMW Sauber + 38.741
6 Alonso Renault + 53.724
7 Webber  Red Bull-Renault + 1:04.229
8 Rosberg Williams-Toyota + 1:11.406
9 Coulthard Red Bull-Renault + 1:15.270
10 Trulli Toyota + 1:16.344 1 giro
11 Button Honda 1 giro
12 Kovalainen McLaren-Mercedes 1 giro
13 Glock Toyota  1 giro
14 Barrichello Honda  1 giro
15 Piquet Renault 1 giro
16 Sutil  Force India-Ferrari1 giro
17 Vettel Toro Rosso-Ferrari1 giro


Classifica iridata dopo la quinta gara
1 Raikkonen 35; 2 Hamilton 28; 3 Massa 28; 4 Kubica 24; 5 Heidfeld 20; 6 Kovalainen 14; 7Webber 10; 8 Alonso 9; 9 Trulli 9
 
Classifica Costruttori
Ferrari 63; BMW 44; McLaren 42; Williams 13; Red Bull 10; Toyota 9; Renaul 9; Honda 3; Toro rosso 2

(Maurizio Saporiti)

< br/>
© Riproduzione Riservata.