BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FORMULA 1/ A Budapest prima vittoria di Kovalainen. Il motore tradisce la Ferrari di Massa

Pubblicazione:

Prima vittoria in carriera per il finlandese Heikki Kovalainen al volante della McLaren Mercedes: sul podio anche il tedesco Glock su Toyota e l’altro finlandese Raikkonen su Ferrari.
Il grande protagonista del gran premio d’Ungheria è, comunque, Felipe Massa: il ferrarista, al comando fino a pochi giri dal termine, vede sfumare una vittoria quasi certa a causa della rottura del motore della sua Ferrari.

Autore di una grande partenza, quasi a voler zittire quelle voci che lo definivano pilota remissivo dopo il sorpasso subito da Hamilton in Germania, il pilota brasiliano si beveva Kovalainen e Hamilton alla prima curva e si portava al comando della gara, che conduceva in modo autorevole e senza troppi problemi fino al momento del ritiro. Con la vittoria, il brasiliano sarebbe passato in testa nella classifica mondiale.

Un po’ meglio è andata ad Hamilton, che partiva con i favori del pronostico dopo quello che aveva fatto vedere nelle libere e in qualifica. Beffato alla partenza dalla Ferrari di Massa (chi di sorpasso ferisce, di sorpasso perisce), il pilota britannico non riusciva a riproporre il dominio della sua McLaren evidenziato nel weekend e doveva accontentarsi della seconda posizione, fino al momento della foratura che lo costringeva a raggiungere i box lentamente e gli faceva perdere diverse posizioni al rientro in pista. Per lui quinto posto finale ma, grazie al ritiro del brasiliano della Ferrari, la vetta del mondiale è ancora nelle sue mani.

Limita i danni per la Ferrari, Kimi Raikkonen, che sale sul gradino più basso del podio. Il finlandese deve rammaricarsi con se stesso per le pessime qualifiche. Partito dalla terza fila con il sesto tempo, deve cedere una posizione ad Alonso, che riuscirà a sorpassare solo nel corso del secondo pit stop: a questo punto, con pista libera davanti, il pilota campione del mondo inanella una serie di giri veloci stabilendo anche il record sul giro e,complici i guai capitati ad Hamilton e Massa, si ritrova a battagliare, nel finale, con Glock per la seconda posizione. Visto il risultato, la vittoria sarebbe stata alla sua portata se solo fosse partito più vanti sulla griglia di partenza.

Bella gara anche per Timo Glock, che conquista il suo primo podio al volante della Toyota. Buona anche la prova della Renault, quarta con Alonso e sesta con Piquet, che dopo il podio di Hockenheim, si riconferma anche in Ungheria. A punti anche Kubica, in evidente difficoltà con la sua BMW.

È al settimo cielo Heikki Kovalainen, al suo primo centro in carriera: «Èfantastico, eccezionale, premia tutto il lavoro fatto per arrivare tra i migliori piloti. Riuscirci è molto bello, adesso devo rimanere concentrato. Spero non rimanga l'unica vittoria, vorrei ripetermi». Fresco della riconferma con la McLaren anche per il 2009, Kovalainen ringrazia il team: «Sono contento per come abbiamo lavorato, abbiamo fatto un grande sforzo negli ultimi mesi, anche nei momenti più difficili. La mi macchina alla fine è andata benissimo. Bisognava solo fare attenzione all'usura delle gomme. Per quanto mi riguarda, ho lottato, ho cercato di tenere il passo dei primi e di migliorare poco alla volta».

Primo podio in carriera ed evidente felicità che sprizza da tutti i pori per Timo Glock: «È incredibile, davvero non ci volevo credere quando ho visto che il motore di Felipe ha ceduto. È incredibile. Anche a Hockenheim avevamo un buon ritmo, poi però c'è stato l'incidente. Qui ho avuto un'auto ottima sin dal venerdì e non l’abbiamo modificata di molto. Ho spinto al massimo, poi ho visto che stavo distruggendo gli pneumatici e ho preferito tenere la mia Toyota sul tracciato. Sapevo di avere una macchina estremamente veloce, quando Kimi mi si è avvicinato molto l'ho visto negli specchietti ma sapevo che difficilmente mi avrebbe superato».

Kimi Raikkonen dimostra, come al solito, una moderata soddisfazione per il podio conquistato anche con un po’ di fortuna: «Avremmo potuto fare meglio, ma durante la gara sono rimasto sempre dietro ad Alonso e non potevo fare meglio. Comunque ho avuto una buona macchina che mi ha consentito alla fine di arrivare terzo». Il ferrarista riconosce il peso di una qualifica non certo esaltante che ha condizionato l’esito della gara: «Bisogna essere davanti nelle qualifiche perché se si resta dietro non si può lottare per la vittoria. In una gara così difficile il terzo posto è stato un buon risultato».

Lewis Hamilton guarda al bicchiere mezzo pieno: «Non so bene cosa sia successo, forse è stata solo sfortuna. Cosa posso dire d'altro? Dobbiamo analizzare i dati e capire cosa sia successo. Comunque abbiamo vinto la gara con Kovalainen, non è stata una giornata troppo brutta per noi».

Commenta così Stefano Domenicali, direttore sportivo della Ferrari la mancata vittoria di Massa: «Questesonole gare che possono lasciarti il segno ma questo non deve capitare. Abbiamofatto vedere chi siamo».

Ordine d’arrivo

1 Heikki Kovalainen (Fin-McLaren-Mercedes) 1h37'27"067
2 Timo Glock (Ger-Toyota) +0'11"000
3 Kimi Räikkönen (Fin-Ferrari) + 0'16"800
4 Fernando Alonso (Spa-Renault) + 0'21"614
5 Lewis Hamilton (Gbr-McLaren-Mercedes) + 0'23"048
6 Nelsinho Piquet (Bra-Renault) 0'32"298
7 Jarno Trulli (Ita-Toyota) 0'36"449
8 Robert Kubica (Pol-BMW Sauber) + 0'48"321
9 Mark Webber (Aus-Red Bull-Renault) + 0'58"834  
10 Nick Heidfeld (Ger-BMW Sauber) + 1'07"709
11 David Coulthard (Gbr-Red Bull-Renault) + 1'10"407
12 Jenson Button (Gbr-Honda) a 1 giro
13 Kazuki Nakajima (Jpn-Williams-Toyota) a 1 giro
14 Nico Rosberg (Ger-Williams-Toyota) a 1 giro  
15 Giancarlo Fisichella (Ita-Force India-Ferrari) a 1 giro  
16 Rubens Barrichello (Bra-Honda) a 2 giri
17 Felipe Massa (Bra-Ferrari) a 3 giri
18 Sebastien Bourdais (Fra-STR-Ferrari) a 3 giri
 
Classifica iridata
1 Lewis Hamilton 62
2 Kimi Räikkönen 57
3 Felipe Massa 54
4 Robert Kubica 49
5 Nick Heidfeld 41
6 Heikki Kovalainen 38
7 Jarno Trulli 22
8 Fernando Alonso 18
9 Mark Webber 18
10 Timo Glock 13
11 Nelsinho Piquet 13
12 Rubens Barrichello 11
12 Nico Rosberg 8
14 Kazuki Nakajima 8
15 David Coulthard 6

Classifica Costruttori

1 Ferrari 111
2 McLaren-Mercedes 100
3 BMW Sauber 90
4 Toyota 35
5 Renault 31
6 Red Bull-Renault 24
7 Williams-Toyota 16
8 Honda 14
9 STR-Ferrari 8
10 Force India-Ferrari 0

(Maurizio Saporiti)


© Riproduzione Riservata.