BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

F1/La pole infinita è ad appannaggio di Barrichello. Rischia Button, solo 14°

Pubblicazione:

Barrichello%20pole%20Brasile_R375.jpg

Rubens Barrichello, per la gioia dei numerosi tifosi accorsi sul circuito di Interlagos a tifare per il pilota brasiliano nonostante la pioggia insistente, conquista la pole position e si prepara a portare l’assalto finale al suo compagno di scuderia Jenson Button solo 14°. Il brasiliano, con il tempo di 1’19”576 ha avuto la meglio su Mark Webber che partirà accanto a lui in prima fila Sono qualifiche estenuanti ma anche emozionanti quelle andate in onda sul circuito di Interlagos, in Brasile, caratterizzate dalla pioggia insistente che ha costretto gli organizzatori, complici i numerosi incidenti, a interromperle più volte. Il primo stop lo causa un testacoda di Giancarlo Fisichella, che perde il controllo della vettura ed è costretto ad abbandonare la sua Ferrari in piena traiettoria. Partirà dall’ultima fila. Le qualifiche riprendono e fanno vittime illustri come Vettel e Hamilton, eliminati in Q1. Per il tedesco della Red Bull, solitamente a suo agio sul bagnato, si tratta di una bella delusione: ora si renderebbe necessario un quasi miracolo per reinserirsi nella lotta per il titolo. Ma le sorprese non finiscono qui. La Q2, dopo un’altra lunga interruzione causata dal botto della Force India dell’italiano Liuzzi, fa un’altra vittima illustre: Jenson Button. L’inglese, in difficoltà sulla pista allagata, ora vede insidiata la sua leadership, quando mancano due gare alla fine, proprio dal suo compagno di scuderia Rubens Barrichello. Ottima prova per Adrian Sutil che piazza la sua Force India in seconda fila davanti alla Toyota di Jarno Trulli. Quinto tempo per Kimi Raikkonen che approfittando delle condizioni della pista, riesce a piazzare la sua Ferrari in terza fila davanti a un sorprendente Sebastian Buemi al volante della Toro Rosso. Completano la top ten le due Williams di Nico Rosberg e Nakajima, rispettivamente 7° e 9°, Kubica 8° con la BMW e Alonso con la Renault



© Riproduzione Riservata.