BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Moto Gp/ A Sepang Valentino Rossi suona la nona mondiale ed entra nella leggenda. A Stoner la gara

Pubblicazione:

Rossi%20campione%20sepang_R375.jpg

La pista bagnata che ha accolto i piloti della Moto Gp scombinava i piani a tutti quanti e particolarmente a Valentino Rossi, a un passo dal mondiale, il nono di una carriera senza precedenti. Ma il primo colpo di scena lo offriva Jorge Lorenzo, costretto a partire dall’ultima posizione per un errore commesso durante il giro di schieramento. Pronti via e Rossi arriva lungo alla prima curva ed è costretto ad allargare la traiettoria ritrovandosi in nona posizione, addirittura alle spalle di uno scatenato Lorenzo autore di una partenza al fulmicotone. Intanto la davanti Stoner prende il largo, inanellando giri veloci a ripetizione e fiaccando in soli sue giri la resistenza di Dani Pedrosa. Dopo una prima parte fatta con il freno a mano tirato, Rossi decide di dare una scossa alla sua gara, di non fare calcoli e passa Lorenzo e si mette alla caccia di Pedrosa e Dovizioso, rispettivamente secondo e terzo e a suon di giri veloci si avvicina ai due: la caduta di Dovizioso gli apre le porte del podio e a questo punto il dottore decide che è giunto il momento di accontentarsi e vola così verso il tiolo mondiale, il nono della sua lunga carriera cominciata quattordici anni fa. Sotto la bandiera a scacchi transitano, così, uno Stoner imprendibile e definitivamente guarito, Pedrosa e Valentino Rossi. Dopo l’inevitabile siparietto a bordo pista con gli amici del fan club con tanto di gallina (vera) con cappellino e visiera, l’abbraccio l’abbraccio con gli uomini del suo team a cui Valentino dedica la vittoria mondiale: "Grazie a tutti quelli che mi hanno aiutato e sostenuto. E' stata una stagione durissima, ho vinto sei gare e sono stato molto regolare e ora siamo a nove titoli. Ringrazio tutti i ragazzi del team, i miei amici e ovviamente la Yamaha. Mi davano per finito, ma come vedete ho voluto festeggiare con questa maglietta celebrativa il mio nono titolo”

 

La gara

1 Casey Stoner (AUS-Ducati) + 47’24”435

2 Dani Pedrosa (SPA Honda Repsol) + 14”666

3 Valentino Rossi (ITA Fiat Yamaha) + 19”385

4 Jorge Lorenzo (SPA-Fiat Yamaha) + 25”850

5 Nicky Hayden (USA-Ducati) + 38”705

6 Chris Vermulen (AUS Rizla Suzuki) + 41”061

7 Toni Elias (SPA Honda san Carlo Gresini) + 48”555

8 Marco Melandri (ITA Hayate Kawasaki) + 55”557

9 Loris Capirossi (ITA-Rizla Suzuki) + 1’00”303

10 Mikka Kallio (FIN-Ducati Pramac) + 1’00”440

11 Aleix Espargaro (SPA Ducati Pramac) + 1’01”655

12 Alex De Angelis (ITA-Honda San Carlo Gresini) + 1’01”847

13 Colin Edwards (USA-Monster Yamaha Tech 3) + 1’10”778

14 Gabor Talmacsi (HUN-Honda Scot) + 1’15”851

 

La classifica

1 Valentino Rossi (ITA Fiat Yamaha) 286

2 Jorge Lorenzo (SPA Fiat Yamaha) 245

3 Casey Stoner (AUS Ducati Marlboro) 220

4 Dani Pedrosa (SPA Honda Repsol) 209

5 Andrea Dovizioso (ITA Honda Repsol) 152

6 Colin Edwards (USA Yamaha Tech 3) 148

7 Marco Melandri (ITA Hayate Kawasaki) 108

8 Loris Capirossi (AUS Rizla Suzuki) 108

9 Alex De Angelis (RSM Honda Gresini) 105

10 Toni Elias (SPA Honda Gresini) 105



© Riproduzione Riservata.