BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ESCLUSIVA MOTOGP/ Il papà di Valentino Rossi: sogno mio figlio a bordo di una rossa

Pubblicazione:

Graziano_Valentino_RossiR375.jpg

Non molte, solo alcune. Intanto la sfida di vincere con quattro ruote oltre che con due, che è riuscita a un solo pilota nella storia (John Surtees, ndr.): sarebbe quindi una sfida assolutamente affascinante. Significherebbe anche la voglia, la forza di decidere di smettere con le moto quando ancora sei il primo attore, il numero 1 perché se uno non trova una cosa altrettanto importante difficilmente ce la fa. E la Ferrari, così si chiamerebbe la “rossa”, sarebbe quest’altra cosa altrettanto importante.

 

Però lui pare attratto anche dalla sfida sulla “rossa” su due ruote che si chiamerebbe, in questo caso, Ducati. Anche questa altrettanto importante…

 

Assolutamente sì. Quella per Valentino sarebbe una sfida che anche lui ritiene affascinante: io sono sicuro che lui sarebbe veloce con la Ducati quanto lo è oggi Stoner. Io sono un po’ di parte in questo giudizio. Comunque resta una cosa molto intrigante. Per contro c’è il fatto che Valentino con Yamaha ha stabilito un rapporto tale che se non è la Yamaha in qualche modo a creargli un dispiacere, lui farà fatica a romperlo.

 

Perché?

 

Non solo per il grande rispetto che ha per Yamaha, ma per la grande stima che ha in Yamaha e per la soddisfazione che gli dà. Faccio un esempio: nei test di lunedì e martedì a Valencia la Yamaha è stata la più veloce, parecchio di più di quanto lo fosse stata nella gara di domenica e probabilmente, per l’anno prossimo, sarà ancora quella più competitiva. Per un pilota avere come compagna la moto più veloce conta abbastanza. Non per fare un confronto con la Ducati che è altrettanto veloce e competitiva, ma per dire che un pilota ha sempre un rapporto di grande amore con la sua moto e i rapporti di grande amore non sono facili da sciogliere.

 

Allora per il 2010 lo vedremo ancora combattere con i vari Lorenzo, Stoner e Pedrosa…

 

Ci metterei anche Spies e Simoncelli.

 

Quale sarà il più ostico per Valentino tra questi? Lorenzo?

 

Io provo una certa antipatia per Lorenzo che non provo, invece, per Stoner. Quindi dico che Stoner è un pochino più veloce degli altri. Però i risultati mi dicono che anche Lorenzo è veloce e quindi sono questi due gli avversari più temibili.

 

(Maurizio Saporiti)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.