BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MOTO/ BMW Motorrad Concept 6: il fascino del sei cilindri in linea

Pubblicazione:

BMW%20Concept%206_R375.jpg
<< Prima pagina

Per realizzare un ingombro ridotto, i gruppi elettrici secondari e le loro rispettive unità di azionamento sono stati spostati dietro l’albero motore, nello spazio sopra il cambio. L’unità di propulsione deve il proprio peso leggero all’applicazione coerente del lightweight design in tutti i settori: questo si manifesta ad esempio nei due alberi a camme in testa forati cavi e nelle bielle estremamente leggere. Grazie alla compensazione perfetta delle masse, nel motore sei cilindri in linea è stato possibile rinunciare a un albero contrappesato e ai relativi elementi di azionamento, così da ridurre ulteriormente il peso e aumentare la rotondità di funzionamento. La configurazione del sei cilindri in linea dello studio Concept 6 è simile a quella del famoso motore quattro cilindri in linea della Serie K 1300 e dispone di una bancata cilindri inclinata in avanti di 55 gradi.

 

Il risultato sono un baricentro basso e, in più, una ripartizione equilibrata delle masse, requisito fondamentale soprattutto nella guida sportiva. L’inclinazione del motore crea inoltre lo spazio per montarvi l’impianto di aspirazione direttamente sopra, dunque in una posizione aerodinamicamente ottimale e consente, inoltre, di disegnare i profili del telaio ideali, seguendo il flusso di potenza. Anche il motore sei cilindri in linea della Concept 6 si affida alla lubrificazione a carter secco. Il concetto mette a disposizione un’elevata sicurezza di esercizio anche a condizioni estreme e permette inoltre una costruzione compatta del carter, dunque un montaggio più in basso del motore e una concentrazione delle masse intorno al baricentro. La conseguente rinuncia alla coppa dell’olio offre la possibilità d’inserire il propulsore molto più in basso rispetto alle configurazioni tradizionali. La riserva d’olio viene assicurata da un serbatoio integrato nella zona posteriore del carter del motore.

 

Il massimo in fatto di rotondità di funzionamento e di performance

Questo motore, realizzato come sei cilindri in linea, inaugura delle dimensioni nuove a livello di guida, di comfort, di spiegamento di potenza e di rotondità di funzionamento. La potenza del nuovo sei cilindri in linea sarà simile a quella dei motori quattro cilindri in linea di BMW da 1,3 litri. Ma la coppia raggiungerà i valori di picco delle motociclette di grossa cilindrata. La potenza verrà erogata da una cilindrata di 1,6 litri. Impressionanti sono anche le caratteristiche prestazionali. Già a bassi regimi, a partire da 2.000 g/min, sono disponibili 130 Nm; contemporaneamente, il regime massimo di quasi 9.000 g/min svela un potenziale dinamico che non trova pari nel segmento delle motociclette da turismo.

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >