BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MOTO GP/ In Qatar Casey Stoner parte in pole davanti alle Yamaha di Rossi e Lorenzo

Pubblicazione:

Stoner Pole_R375.jpg

 

Casey Stoner partirà in pole nel Granpremio di Losail, in Qatar. Sulla pista illuminata a giorno l’australiano della Ducati non ha rivali e chiude con il tempo di 1’55”286. Stoner è rimasto sempre al comando delle qualifiche è nessuno è stato in grado di impensierirlo. Ci ha provato Rossi ma alla fine anche il campione del mondo si è dovuto arrendere alla superiorità, almeno in prova, del binomio Stoner Ducati. Perché una cosa è certa: la Ducati attuale sembra avere in Stoner l’unico pilota in grado di domarla sull’asfalto e di tirarle fuori tutto il suo potenziale. Basta guardare il suo nuovo compagno di squadra Hayden, 16° a quasi 3” dall’australiano e autore di una rovinosa caduta negli ultimi minuti della sessione. Melandri, la scorsa stagione, era uscito con le ossa rotte e con il morale sotto i piedi, la stagione dell’americano sembra cominciare sulla falsa riga di quella del ravennate. Valentino Rossi partirà al fianco di Stoner, dunque, ma concedendo all’avversario quasi 5 decimi sul giro secco. In verità, nelle libere il campione del mondo era parso aver colmato il divario con la Ducati, piazzandosi a soli 96 millesimi da Stoner, ma le prove lo hanno ricacciato indietro. A completare la prima fila l’altra Yamaha di un ottimo Lorenzo, che sembra aver preso confidenza con le nuove coperture Bridgestone.
Seconda fila con Dovizioso in sella alla Honda ufficiale che sembra aver trovato il feeling con la nuova moto, che precede rispettivamente la Suzuki di un grintoso Capirossi e la Yamaha di Edwards. Non si ripete De Angelis, che scivola in nona posizione a chiudere la terza fila. Buona la prova del debuttante Kallio che con la Ducati del team Pramac fa meglio di Hayden e apre la quarta fila con il 10° tempo, precedendo Melandri. Solo 14° Pedrosa davanti al rientrante ma poco convincente Gibernau. Da segnalare il forfait di Simoncelli nella 250cc. Il campione del mondo non prenderà il via nella gara di domani causa i forti dolori al polso fratturato.
 
Casey Stoner: “Nell’intervallo tra i due turni di oggi è venuta giù qualche goccia di pioggia che  fortunatamente si è interrotta quasi subito e non ci ha quindi impedito di effettuare regolarmente le qualifiche. Ci aspettavamo che la pista fosse un po’ più sporca per la sabbia portata da questa pioggerella ma in realtà abbiamo trovato delle condizione molto peggiori. L’asfalto era così sporco che la mescola più soffice delle due che avevamo a disposizione si comportava virtualmente come una gomma da qualifica, cioè non durava più di due giri. Le condizioni qui cambiano con tale frequenza che è difficile prevedere se il set up per le gomme più dure andrà ancora bene per la gara: non ci resta che aspettare domani e vedere che cosa troveremo. Per il momento posso dire di essere contento del lavoro che abbiamo fatto finora e del set up che abbiamo trovato. La cosa più importante per noi, in queste fasi iniziali della stagione, è ottenere più punti possibile e poi continuare a lavorare per non trovarci a metà del campionato con dei problemi da risolvere, come ci è successo l’anno scorso. Adesso comunque tutta la squadra tiene le dita incrociate per Nicky: speriamo che domani possa correre anche se la cosa più importante è che stia bene”.
 
Valentino Rossi: “Sono molto felice di essere in prima fila qui perché sapevamo che questa non era la nostra migliore pista. Sapevamo anche che Stoner sarebbe stato veloce e, nonostante ciò sia vero, non siamo troppo lontani e stiamo riducendo la differenza in termini di tempo. Partire dalla seconda posizione sarà molto importante qui perché c’è un grosso punto interrogativo sulle gomme su questa pista. L’asfalto è ancora molto sporco, il che rovina le coperture e penso che negli ultimi giri la gara sarà molto divertente da vedere! Ci sono un paio di punti del circuito dove possiamo essere più veloci, così ora dobbiamo dare una occhiata ai dati in nostro possesso e spero di poter fare un ulteriore passo avanti nel warm up e mettere a punto un paio di piccoli problemi. C’è un altro grosso dubbio sugli ultimi sei o sette giri: penso che le gomme scivoleranno molto. Comunque, siamo tutti nella stessa posizione, con le stesse gomme e la cosa potrebbe risultare piuttosto divertente: aspettiamo e vediamo”.
 
Jorge Lorenzo: “Dopo aver centrato la pole qui nel mio primo Gran Premio in MotoGP, l’anno passato, sono felice di essere almeno in prima fila! Sarà importante, perché ci aspetta una gara difficile. Durante I test sono stato più veloce con la gomma dura, ma per qualche motivo ora la situazione è opposta e sono molto più veloce con la morbida. Con quella dura abbiamo ancora un po’ di cose da risolvere, il che è un problema perché è la copertura che dovremo utilizzare in gara. Ora ciò di cui abbiamo bisogno è di lavorare a testa bassa per provare a risolverli nel corso della notte. Domani non voglio pensare alla vittoria, ma solo a fare il meglio che posso e a prendere più punti possibile, tenendo conto delle circostanze. Ovviamente però non si sa mai cosa potrà accadere, in gara”.
 
Nicky Hayden: “Direi che non mi sento esattamente pronto per andare a fare un po’ di jogging in questo esatto momento, perché sono abbastanza dolorante, ma le radiografie sono ok quindi vedremo come mi sento domani”.
 
 
Le qualifiche
1 Casey Stoner (AUS Ducati Marlboro) 1’55”286
2 Valentino Rossi (ITA Fiat Yamaha) a 0”473
3 Jorge Lorenzo (SPA Fiat Yamaha) a 0”497
4 Andrea Dovizioso (ITA Honda Repsol) a 0”691
5 Loris Capirossi(ITA Rizla Suzuki) a 0”863
6 Colin Edwards (USA Yamaha Tech 3) a 0”908
7 Randy De Puniet (FRA Honda LCR) a 1”072
8 Chris Vermulen (AUS Rizla Suzuki) a 1”207
9 Alex De Angelis (RSM Honda Gresini San Carlo) a 1”504
10 Mika Kallio (FIN Ducati Pramac) a 1”566
11 Marco Melandri (ITA Kawasaki Hayate) a 1”676
12 Toni Elias (SPA Honda Gresini San Carlo) a 1”939
13 James Toseland (GBR Yamaha Tech 3) a 2”224
14 Dani Pedrosa (SPA Honda Repsol) a 2”443
15 Sete Gibernau (SPA Ducati Hernando) 2”613
16 Nicky Hayden (USA Ducati Marlboro) a 2”929
17 Yuki Takaashi (JPN Honda Scot) a 3”498
18 Niccolò Canepa (ITA Ducati Pramac) a 3”713


© Riproduzione Riservata.