BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MOTO GP/ Gp Le Mans: la parola ai protagonisti

Pubblicazione:

Jorge Lorenzo: "Neanche nei miei sogni avrei immaginato questa situazione, vincere la corsa ed essere il leader del campionato. Questa stagione l'ho presa con molta più calma e attenzione e così ero veramente sconvolto dopo l'incidente di Jerez, perché non me l'aspettavo! Avevo un buon ritmo con entrambi i tipi di pneumatici e la strategia del nostro team ha lavorato alla perfezione. Mi sono sentito felice di rimanere con i pneumatici da bagnato per un così lungo tempo e alla fine, credo che abbiamo cambiato esattamente al momento giusto; c'è stata un po' di fortuna dalla nostra parte, ma siamo stati anche forti, tranquilli e attenti. Era la prima volta nella mia vita che ho dovuto cambiare moto durante la gara ed ero molto nervoso, ma è avvenuto senza problemi e sono stato in grado di rientrare in testa. Mi dispiace per Valentino, perché è stato sfortunato cadendo ma ora siamo tutti lì in classifica. Voglio ringraziare la mia squadra, perché sono stati molto bravi oggi, sono così felice di essere qui e di aver vinto la terza gara in MotoGP."

 

Marco Melandri: "Pensavo fosse difficile migliorare il quinto posto di Jerez ed invece oggi abbiamo fatto addirittura secondi. Abbiamo adattato una buona strategia sul cambio moto e sono stato accorto a non commettere errori. E' incredibile esser qui adesso non l'avrei mai detto. Ringrazio tutta la gente che mi ha supportato e anche la Kawasaki che comunque ha lavorato bene."

 

Dani Pedrosa: "Per me è stato un podio fantastico perché le condizioni erano davvero difficili, ma siamo comunque riusciti a conquistare un ottimo risultato. All'inizio della gara non erano ben chiare le condizioni meteo, ed i primi giri con la pista bagnata non ho avuto un buon ritmo e ho così perso terreno, pertanto ho deciso subito di rientrare ai box e cambiar moto. L'ho fatto nello stesso momento di Rossi che poco dopo è caduto, pertanto sono rimasto un pò sulle mie perché le condizioni del tracciato erano difficili. Ho perso tempo in quella fase di gara, ma nel finale sono riuscito a recuperare tanto da raggiungere e superare Dovizioso. Sono davvero molto felice per questo podio, specie perché non era facile viste le condizioni".

 

Casey Stoner: “Sono piuttosto deluso dal risultato di oggi perché penso che non abbiamo assolutamente dimostrato il nostro potenziale. Nella prima parte di gara abbiamo sofferto un set up da bagnato ben lontano dall’essere perfetto, perché non avevo assolutamente trazione sul posteriore. Giro dopo giro la situazione non è migliorata ed ho continuato a perdere tempo terreno ma sono rimasto fuori perché non ritenevo che le condizioni fossero ancora adatte alle slick. Poi, quando sono passato alla seconda moto ho avuto problemi con l’ammortizzatore di sterzo fino a quando in rettilineo ho dovuto togliere la mano dal gas per metterlo a posto. Le cose sono andate subito meglio, sono tornato a sentirmi a mio agio sulla moto ed ho potuto guidare come al solito. Credo che senza questo problema avrei potuto lottare per il podio però ormai è andata così. Sono cose che a volte succedono, dobbiamo solo sperare che non si ripetano. Non vedo l’ora di andare al Mugello, una delle mie piste preferite, dove ho ottenuto dei buoni risultati e dove spero che il nostro pacchetto, che comunque è meglio dell’anno scorso, possa permetterci di tornare davanti”.

 

 

Valentino Rossi: "Ho avuto difficoltà fin dall'inizio e oggi ho davvero non potevo guidare la mia moto al meglio. Già dal quarto giro ho sentito che ero piuttosto lento e che non ho potevo guidare come volevo. Ho deciso di cambiare moto, perché di solito cambiare all'inizio è una giusta strategia. Naturalmente sapevo che dovevo riscaldare i pneumatici ma poi sono caduto in punto che era ancora abbastanza bagnato. Fortunatamente sono riuscito ad entrare di nuovo ai box e ho cambiato moto di nuovo, ma la regola dice che se si cambia di nuovo è necessario utilizzare uno pneumatico diverso e questo è quello che abbiamo fatto. Quando sono ripartito non ho poi messo il limitatore nella corsia box e quindi sono stato penalizzato con un ride-through per eccesso di velocità. Abbiamo avuto problemi per tutto il fine settimana con il set-up della moto e oggi speravo di poter stare con i piloti davanti ed ottenere alcuni punti importanti per il campionato. Ora andiamo a Mugello, il mio GP di casa, dove forse sarò ancor più motivato rispetto al solito!"

 

 

Loris Capirossi: "Siamo passati ai pneumatici slick troppo presto ed era ancora un po' troppo bagnato per farlo. Non è stato proprio un errore, più una scommessa che non ha pagato. Ho anche fatto un paio di errori quando la pista era ancora bagnata. Ho cercato di mantenere il mio ritmo, ma ho avuto lo stesso problema che avevamo riscontrato anche ieri con la pista asciutta. Ho provato duramente a resistere ma Colin mi ha passato negli ultimi giri e non ho potuto replicare. Abbiamo terminato il nostro lavoro qui e dobbiamo cercare di prendere il positivo e pensare al futuro e alle prossimo gare."

 

Nicky Hayden: “Le condizioni oggi erano insidiose ma non sempre le gare vanno come pianificato. In realtà è stato anche divertente prendere delle decisioni dell’ultimo minuto sulle gomme e tutto il resto sullo schieramento di partenza, con la pista ancora bagnata ma il sole che cominciava ad affacciarsi. Ho fatto una buona partenza e anche se ho guidato poche volte questa moto sul bagnato le mie sensazioni erano piuttosto buone e sono stato in grado di guadagnare qualche posizione. Poi sono rientrato ai box per il cambio moto ma la temperatura della pista era così bassa che non è stato facile far andare in temperatura le gomme, soprattutto la parte sinistra, adesso che non abbiamo più a disposizione la doppia mescola. Ero ottavo quando Kallio è caduto e la sua moto mi ha toccato. Sono stato fortunato a non cadere perché l’impatto è stato forte, si può vedere un bel segno lasciato dalla gomma sulla carena, ma sono uscito di pista. Mi è costato diverse posizioni e mi ha anche danneggiato un cablaggio della velocità della ruota anteriore il che non è stato particolarmente grave perché ce ne sono due, ma il tutto non ha aiutato. Alla fine il risultato non è grandioso ma è stato un fine settimana in cui ho potuto lavorare molto con Juan per la prima volta. Abbiamo cominciato a conoscerci e adesso speriamo di costruire su questa base”.

 

 

 

 



© Riproduzione Riservata.