BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SBK/ Ben Spies dominatore incontrastato negli USA

Pubblicazione:

Ben Spies USA_R375.jpg

Gara 1
Ben Spies ha dominato gara uno accorciando la classifica del Mondiale Superbike. Il capofila Noriyuki Haga, dolorante per la grave caduta di sabato, è finito soltanto nono perdendo 18 punti in un colpo solo.
Nella gara fermata al settimo giro per l'incidente occorso all'australiano Karl Muggerdige (solo contusioni) Spies non ha avuto avversari, dominando entrambe le frazioni e la classifica finale ottenuta per somma di tempi. Il 24enne texano ha preceduto lo spagnolo Carlos Checa (Honda), qui vincitore lo scorso anno, e un Michel Fabrizio (Ducati) rallentato da due pessime partenze. Max Biaggi, scattato dalla quarta fila, è risalito in sesta posizione con l'Aprilia anche in questa occasione velocissima in rettilineo.

Ben Spies: "Abbiamo lavorato molto sulle partenze perché Miller ha un lungo rettilineo e avevo bisogno di partire bene qui. Dopo la seconda partenza è  stata dura perché volevo vincere in pista e non potevo correre rischi mentre tenevo Carlos a bada. Volevo assolutamente tagliare il traguardo per primo anche se avevo un margine di sei secondi."

Carlos Checa: "Fin dall'inizio Ben è stato fortissimo e io nella prima parte non avevo sufficiente grip. Per la seconda partenza abbiamo cambiato la pressione della gomma ed è andata meglio. La Honda qui va bene, abbiamo utilizzato la base dello scorso anno gia' molto buona per raggiungere un certo livello e ottenere buoni risultati. Avevamo bisogno di un risultato positivo visto l'inizio di stagione in salita."

Michel Fabrizio: Peccato per la seconda partenza, mi sono sentito un pò come una palla da ping-pong, ero attaccato da tre o quattro piloti ma fortunatamente sono riuscito a restare in piedi. Dopo ho ripreso il mio passo e sono riuscito ad arrivare al traguardo e salire sul podio.

Risultati gara 1
1. Spies B. (USA) Yamaha YZF R1 38'30.945;
2. Checa C. (ESP) Honda CBR1000RR 9.394;
3. Fabrizio M. (ITA) Ducati 1098R 12.742;
4. Kiyonari R. (JPN) Honda CBR1000RR 14.276;
5. Rea J. (GBR) Honda CBR1000RR 14.915;
6. Biaggi M. (ITA) Aprilia RSV4 Factory 15.461;
7. Hacking J. (USA) Kawasaki ZX 10R 22.901;
8. Smrz J. (CZE) Ducati 1098R 25.425;
9. Haga N. (JPN) Ducati 1098R 25.870;
10. Haslam L. (GBR) Honda CBR1000RR 26.093;

Gara 2

Stesso copione di gara 1 per gara 2. Il campione Usa è andato in testa alla prima curva e non ha più mollato la posizione, anche se Fabrizio, stavolta partito bene, ha tenuto Spies sotto tiro per oltre metà gara. Checa è scivolato senza danni lasciando a giocarsi il terzo gradino del podio Jonathan Rea, il britannico Leon Haslam caduto al giro finale e un ottimo Max Biaggi tornato protagonista con l'Aprilia RSV4 dopo i problemi incontrati nelle prove. Haga è stato preceduto anche da Kiyonari, Smrz e Nakano. E' stata una buona giornata anche per la Kawasaki, protagonista sia con Parkes che con l'americano Jamie Hacking sostituto dell'infortunato Tamada, mentre ancora una volta gara difficile per la BMW con la 16° posizione di Xaus e la 17° di Corser.

Ben Spies: "E' stata una gara difficile, avevo quasi la sensazione di aver rubato la vittoria a Michel perché ha guidato in maniera fantastica. Ho cercato subito un buon passo di gara ma ogni volta che lui guadagnava un decimo dovevo riguadagnare quel decimo per tenerlo a bada. Negli ultimi sei giri ho spinto al massimo e sono riuscito a tagliare il traguardo per primo. Sono contento di questa doppietta qui a Miller, purtroppo sapevamo che Haga non era al 100% ma bisogna approfittare di ogni momento e abbiamo guadagnato dei punti utili."

Michel Fabrizio: "E stato un bel weekend, fino a cinque o sei giri dalla fine ho provato in tutti i modi a dare fastidio a Ben ma per riprenderlo ho spinto un po' troppo e ho finito la gomma davanti e ormai non c'era più niente da fare."

Jonathan Rea: "Il team mi ha dato una moto fantastica questo weekend, abbiamo fatto un ottimo sviluppo ma mi sono dovuto lottare come un leone per il terzo posto perché avevo qualche problema all'avantreno e alla gomma anteriore. Ben e Michel davanti avevano un ritmo velocissimo e io non sono riuscito a raggiungerli. Sapevo di avere un bel gruppetto di piloti dietro di me e ho pensato di tenere qualcosa in riserva per gli ultimi giri ma non sono riuscito a vedere esattamente cosa è successo quando Leon è caduto. E' il secondo podio in due weekend quindi sono veramente contento."

Risultati gara 2
1. Spies B. (USA) Yamaha YZF R1 38'25.391;
2. Fabrizio M. (ITA) Ducati 1098R 9.080;
3. Rea J. (GBR) Honda CBR1000RR 14.357;
4. Biaggi M. (ITA) Aprilia RSV4 Factory 15.636;
5. Kiyonari R. (JPN) Honda CBR1000RR 17.156;
6. Smrz J. (CZE) Ducati 1098R 17.546;
7. Nakano S. (JPN) Aprilia RSV4 Factory 19.659;
8. Haga N. (JPN) Ducati 1098R 23.455;
9. Sykes T. (GBR) Yamaha YZF R1 30.489;
10. Byrne S. (GBR) Ducati 1098R 31.775;

Classifica campionato:

1. Haga 265;
2. Spies 212;
3. Fabrizio 201;
4. Rea 133;
5. Biaggi 126;
6. Haslam 122;
7. Sykes 113;
8. Kiyonari 96;
9. Checa 93;
10. Smrz 82.
 
 



© Riproduzione Riservata.