BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FORMULA 1/ Nuovo pacchetto aerodinamico per la Ferrari F60 a Silverstone

Pubblicazione:

Massa%20Test_R375.jpg

Per il Gran Premio della Gran Bretagna che si disputerà sulla pista di Silverstone, la Ferrari porterà nuove evoluzioni tecniche, nel tentativo di colmare il divario che la separa dalla Brawn Gp. Felipe Massa ha provato alcune nuove componenti aerodinamiche, inclusa una nuova ala anteriore della monoposto: per il pilota brasiliano a Silverstone sarà disponibile il nuovo telaio in linea con quello che Kimi ha usato per le precedenti gare, più leggero di quello che Felipe aveva utilizzato fino ad ora. Il test aerodinamico ha visto la F60 presentare una nuova geometria della sospensione anteriore, realizzata con l'obiettivo di cambiare la distribuzione dei pesi, spostandola ulteriormente in avanti. La nuova geometria della sospensione è mirata a determinare più grip nell'avantreno, il che dovrebbe contribuire a superare uno dei talloni d'Achille della F60, cioè il fatto che fa fatica a portare in temperatura le gomme dopo un giro lanciato, requisito essenziale nelle qualifiche.
Sempre a Silverstone faranno il loro debutto nuove flange delle ruote ed un nuovo sistema di montaggio, per quando vengono sostituite le gomme durante il pit stop. Sia la macchina di Kimi che quella di Felipe saranno equipaggiate con tutti questi aggiornamenti e i dati raccolti a Fiorano nel test aerodinamico saranno molto utili nel setting delle macchine prima della prima sessione di prove libere di venerdì mattina.

Massa: “Possiamo essere più competitivi questo fine settimana”
“Ho fatto un'esperienza inusuale lunedì,  ho guidato una vettura di F1 al di fuori del fine settimana di gara! Con il divieto di eseguire test a stagione in corso, il tempo che divide un Gran Premio dall'altro di solito lo passiamo a discutere con gli ingegneri a Maranello, a proposito delle novità previste sulla vettura per le gare successive, ma senza guidare veramente. Questa volta comunque, ho avuto il compito di stare al volante per un test aerodinamico a Fiorano. Dico “stare al volante” piuttosto che guidare, perchè se devo essere onesto, non è una cosa molto eccitante per un pilota visto che sei quasi come un robot a guidare la macchina su e giù sui rettilinei. Ma è una cosa molto importante per la squadra e per lo sviluppo della vettura, quindi sono stato più che felice di farlo. Guidare su e giù sul rettilineo significa non poter dare molti riscontri agli ingegneri su come funziona la macchina, ma solo se cambiare o meno le ali anteriori per esempio e guardare la telemetria, che sarà confrontata con i dati ottenuti in galleria del vento per vedere se i numeri corrispondono, e se siamo sulla buona strada.
Sulla carta, questo fine settimana del Gran Premio d'Inghilterra si correrà su una pista che ha molte analogie con l'ultima gara ad Istanbul, dove non siamo stati molto competitivi: il tracciato di questo weekend presenta anch'esso delle curve veloci, sezioni scorrevoli e un settore finale molto lento e avremo lo stesso tipo di gomme da Bridgestone, ma questo non significa che pensi che avremo le stesse difficoltà che abbiamo avuto due settimane fa. Per cominciare, le nuove componenti che abbiamo installato per questo fine settimana, fra le quali l'ala anteriore e un telaio più leggero, dovrebbero renderci più competitivi. Ma, cosa più importante, in Turchia siamo andati all’indietro nel corso del weekend, dopo essere stati molto competitivi venerdì e sabato mattina. Sappiamo tutti perchè è successo, che è la cosa più importante: crediamo che con l'alta temperatura della pista, siamo stati troppo cauti sul carico aerodinamico e dovevamo correre con più peso sull'alettone posteriore, perchè quando la temperatura si è alzata, l'aderenza delle gomme si è abbassata e avevamo bisogno di compensare questo problema. Quando la temperatura si è alzata gradualmente, le nostre vetture andavano sempre più piano nel primo settore della pista, laddove bisognava avere più carico. In altre parole, il problema è stato relativo al modo in cui abbiamo lavorato, piuttosto che a un difetto specifico della vettura.
 



© Riproduzione Riservata.