BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SBK/ A Misano va in scena la prima di Jonathan Rea. Spies domina gara1

Pubblicazione:

Jonathan%20Rea%20Misano_R375.jpg

A Misano, di fronte a 65.000 spettatori, la SBK ha dato spettacolo, con le vittorie di Ben Spies su Yamaha, l’ottava per lui in stagione, e del debuttante Jonathan Rea in sella alla Honda, salito per la prima volta sul gradino più alto del podio. Buona la prova dell’italiano Michel Fabrizio e della sua Ducati, terzo e secondo nelle due manches, e del leader del mondiale Noriyuki Haga. L’alfiere della Ducati, continua a guidare la la classifica del mondiale con 48 punti di vantaggio su Spies e 55 sul compagno di squadra Fabrizio.

 

Gara 1

Colpi di scena a ripetizione nella prima gara SBK, vinta da un'implacabile Ben Spies (Yamaha), arrivato a quota otto vittorie. Partiti tutti con gomme rain, per la pioggia caduta sul circuito, da metà corsa, con la pista che andava asciugandosi, i piloti sono dovuti rientrare per cambiare moto e gomme. Ad approfittarne nel migliore dei modi è stato il texano della Yamaha, che ha trovato subito un ritmo convincente che gli ha permesso di andare a vincere con un vantaggio di quasi otto secondo nei confronti di un ottimo Shane Byrne (Ducati), imprendibile sul bagnato. Avvincente duello per il terzo posto, con Michel Fabrizio bravo a resistere al perentorio ritorno di Jakub Smrz. Quinta posizione per il leader di campionato, Noriyuki Haga e la sua Ducati, che ha contenuto i danni su una pista per lui ostica, bravo a passare nel finale la Suzuki di Yukio Kagayama Suzuki. Bella prestazione anche per Jonathan Rea, primo pilota Honda, in una gara che lo ha visto partire in fondo allo schieramento e subire anche un ride-through. Decimo posto per l'esordiente Matthieu Lagrive (Honda), dietro a Shynia Nakano con l'Aprilia. Solo 13° invece Max Biaggi con l’Aprilia, in difficoltà in queste condizioni di asfalto.

 

Ben Spies:

"E' stata dura, sapevamo fin dall'inizio della gara che la pista si sarebbe asciugata e nella prima parte della gara Shane ha guidato fortissimo. Il feeling con la mia R1 sul bagnato non era ottimale e quindi non ero particolarmente contento ma ho cercato a tutti i costi di rimanere vicino a Michel. Dal box mi hanno comunicato che alcuni piloti stavano cominciando a rientrare in pitlane per cambiare la moto e cosi ho deciso che era il momento di farlo anch'io. E' stata una gara molto movimentata, non particolarmente bella ma sono stato contento di mettermela alle spalle con una vittoria."

 

Shane Byrne:

"E' stata una gara fantastica. Peccato che non abbia continuato a piovere perché ad un certo punto avevo un bel vantaggio. Non capivo bene qual era la situazione delle gomme e ogni giro che aumentava il mio vantaggio ero sempre più indeciso se rimanere o tornare al box. Ho cambiato moto a sette giri dalla fine e nei primi due giri è stato difficile trovare il ritmo giusto. Ben aveva fatto due giri in più sull'asciutto rispetto a me, mi ha sorpassato e non sono riuscito in nessun modo a riprenderlo. E' un risultato fantastico nel circuito di casa per il mio team, hanno fatto un ottimo lavoro."

 

Michel Fabrizio:

"Non è male come risultato, è stata una bella battaglia fino alla fine con Jakub. Quando ho visto sul megascherma che Smrz mi stava avvicinando, sapevo che dovevo inventare qualcosa al ultimo giro. Non sono stato in grado di trovare il passo giusto subito con le gomme da asciutto e ho perso un po' di tempo ma tutto sommato, vista la mia sfortuna a Misano negli anni recenti, sono molto soddisfatto di questo podio."

 

Risultati Gara 1

1. Spies B. (USA) Yamaha YZF R1 45'02.773);

2. Byrne S. (GBR) Ducati 1098R 7.931;

3. Fabrizio M. (ITA) Ducati 1098R 11.836;

4. Smrz J. (CZE) Ducati 1098R 11.886;

5. Haga N. (JPN) Ducati 1098R 31.670;

6. Kagayama Y. (JPN) Suzuki GSX-R 1000 K9 33.241;

7. Rea J. (GBR) Honda CBR1000RR 35.772;

8. Sykes T. (GBR) Yamaha YZF R1 41.931;

9. Nakano S. (JPN) Aprilia RSV4 Factory 51.507;

10. Lagrive M. (FRA) Honda CBR1000RR 59.921

 

Gara 2

In gara 2 primo successo nel Mondiale SBK del talento britannico Jonathan Rea (Honda), uscito vincitore dall'emozionante corpo a corpo con Michel Fabrizio, che ha infiammato gli ultimi giri della corsa. Sul terzo gradino del podio è salito il capoclassifica di campionato Noriyuki Haga (Ducati), che ha sfruttato il mezzo passo falso di Ben Spies (Yamaha), solo nono per un problema tecnico che lo ha costretto a rallentare durante i primi giri della corsa quando occupava la seconda posizione, per riallungare in vetta. Ora il suo vantaggio è di 48 punti sul texano e di 55 punti sul compagno di squadra Fabrizio. Ancora un quarto posto per Jakub Smrz (Ducati) che, nel finale è riuscito a passare Carlos Checa (Honda) in crisi di gomme. Ancora una buona prestazione per Shane Byrne (Ducati), che ha chiuso la gara al sesto posto. Prima Yamaha al traguardo quella di Tom Sykes, settimo davanti a Leon Haslam (Honda). In zona punti le Aprilia di Max Biaggi e Shynia Nakano e le Suzuki di Kagayama e Nieto; fuori invece BMW (Xaus e Corser) e Kawasaki (Parkes e Hacking).

 

Jonathan Rea:

"E' bellissimo ottenere la mia prima vittoria qui in Italia prima della gara di casa a Donington. Tutti sanno che il team ha cambiato le sospensioni e le abbiamo provate per la prima volta a Magny-Cours durante i test di lunedì scorso. Il team ha fatto un lavoro meraviglioso per permettermi di vincere la gara quindi questa vittoria e' speciale anche per i ragazzi. Sono riuscito a trovare il mio ritmo giusto and Michel non e' mai riuscito a allontanarsi da me. Volevo passare prima ma ho lasciato tutto all'ultimo giro. Con questa vittoria tocco il cielo con un dito!"

 

Michel Fabrizio:

"In Gara 2 non avevo un feeling perfetto con la gomma anteriore e in accelerazione la Honda di Rea aveva qualche cosa in più. E' un peccato non aver vinto ma due podi sono il mio miglior risultato su questa pista e la consapevolezza di avere fatto tutto il possibile mi rende comunque felice. Sono a pochi punti da Spies in campionato e non posso non fare un pensierino al titolo anche se mi rendo conto che per candidarmi seriamente devo mantenere un alto livello di risultati e riuscire anche a vincere qualche gara".

 

Noriyuki Haga:

"Gara 2 è andata decisamente meglio: sono partito bene ma poi Johnny (Rea) e Michel mi hanno superato ed è stata dura mantenere il loro ritmo, forse perché loro sono molto più giovani di me! Scherzi a parte tutto sommato abbiamo portato a casa dei punti importanti considerato che questa non è mai stata tra le mie piste preferite. Adesso non vedo l'ora di correre a Donington dove, negli anni passati, ho ottenuto dei buoni risultati".

 

Risultati Gara 2

1. Rea J. (GBR) Honda CBR1000RR 39'11.204;

2. Fabrizio M. (ITA) Ducati 1098R 0.063;

3. Haga N. (JPN) Ducati 1098R 0.457;

4. Smrz J. (CZE) Ducati 1098R 3.635;

5. Checa C. (ESP) Honda CBR1000RR 4.460;

6. Byrne S. (GBR) Ducati 1098R 4.538;

7. Sykes T. (GBR) Yamaha YZF R1 12.679;

8. Haslam L. (GBR) Honda CBR1000RR 12.763;

9. Spies B. (USA) Yamaha YZF R1 13.237;

10. Biaggi M. (ITA) Aprilia RSV4 Factory 14.412;

 

Classifica campionato (dopo 8 Round di 14):

1. Haga 292;

2. Spies 244;

3. Fabrizio 237;

4. Rea 167;

5. Biaggi 135;

6. Haslam 134;

7. Sykes 130;

8. Checa 109;

9. Smrz 108;

10. Kiyonari 98



© Riproduzione Riservata.