BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MOTO GP/ Per Stoner il Sachsenring è quasi una prova d’appello

Pubblicazione:

Stoner_prew_Germania_R375.jpg

MOTO GP - Dopo essersi trattenuto negli Stati Uniti per sottoporsi ad una lunga serie di esami per cercare di individuare le cause della sua indisposizione, Casey Stoner si appresta a disputare il granpremio di Germania conscio che l’appuntamento è di quelli vitali per non perdere il contatto dal duo Yamaha Rossi-Lorenzo. Gli esami hanno confermato una lieve gastrite ed una leggera anemia, che lo hanno debilitato e che dovranno continuare ad essere trattate nelle prossime settimane per non aggravarsi e per permettergli di recuperare le forze. I medici confidano che, con un trattamento adeguato, Stoner tornerà in piena forma in alcune settimane. Per Hayden si tratta di confermare sul suolo tedesco la buona prova fornita a Laguna Seca e i progressi della sua GP9.

 

Casey Stoner

“Dopo Laguna sono rimasto negli Stati Uniti fino a sabato per effettuare tutta una serie di test. Per prima cosa vorrei ringraziare tutti i medici coinvolti, il dott. Ting e il dott. Tuan del Fremont Surgery Center, il dott. Macchiagodena, il dott. Catani, il dott. Ceccarelli e naturalmente il nostro fisioterapista Freddy. Se tutto va bene, passo dopo passo, seguendo le loro indicazioni, la situazione dovrebbe migliorare. Non mi sento ancora al 100% ma per ora il problema maggiore è il dolore alle costole provocato dalla caduta nelle qualifiche del GP degli USA. Sarà probabilmente un altro fine settimana molto duro ma, come sempre, faremo del nostro meglio per restare il più possibile vicini alla testa della classifica del campionato”.

 

Nicky Hayden

“Nelle ultime settimane abbiamo fatto dei progressi veri e io spero di continuare così perchè navigare nelle retrovie non è assolutamente divertente. Sappiamo di avere ancora un gap importante da recuperare dai primi quindi, in Germania, dovremo lavorare ancora di più e rimanere concentrati sull’obiettivo. Il Sachsenring è un’altra pista tortuosa e corta, come Laguna, ed infatti i tempi sul giro sono molto simili. Mi piace, vi ho ottenuto dei buoni risultati, quasi sempre sul podio a parte lo scorso anno che è stato particolare, come sempre quando piove. La prima parte è super stretta ed è quella dove mi aspetto di faticare di più, mentre spero di andare bene nella seconda, che comprende anche una curva in picchiata pazzesca che, se ti piacciono cieche e veloci tanto da lasciarti senza respiro, è proprio quella giusta! Infine c’è un pubblico fantastico per tutto il fine settimana e vedere le tribune strapiene, soprattutto il giorno della gara, crea sempre una grande atmosfera”.



© Riproduzione Riservata.