BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MOTOGP/ La Ducati offre a Lorenzo un ingaggio di 7 milioni di euro?

Pubblicazione:

Lorenzo-Ducati_R375.jpg

Dopo l’ufficializzazione del ritorno di Marco Melandri con la Honda del team Gresini e la notizia dell’ingaggio di Alvaro Bautista da parte della Suzuki, le attenzioni si concentrano sul pilota della Yamaha Jorge Lorenzo. Le voci parlano di un’offerta Ducati di 7 milioni di euro per il passaggio del pilota maiorchino in sella alla rossa di Borgo Panigale per le stagioni 2010 e 2011. Le cifre dell'accordo, se saranno confermate, faranno di Lorenzo il pilota più pagato del motomondiale dopo Valentino Rossi. Il prossimo anno quindi la Ducati potrebbe schierare, sempre che Stoner ritorni, due piloti di primo piano che puntano al titolo.

La firma di Lorenzo sarebbe stata chiesta dalla Phillip Morris, sponsor principale della Ducati, a cui non sarebbe piaciuto il comportamento di Casey Stoner. I media spagnoli, dal canto loro, sono abbastanza convinti che l’ex campione del mondo della quarto di litro possa accettare questa offerta. Jorge Lorenzo dovrebbe rendere pubblica la decisione in merito al suo futuro nel prossimo weekend di Indianapolis.

La conferma è arrivata anche dal suo team manager Marcos Hirsch che intervistato da Motogp.com ha confermato e ha comunque tenuto a precisare che l'ingaggio, nella decisione, è stato messo come ultimo in termini di importanza. "Fino alla metà di questa settimana c'è ancora tempo per valutare le offerte. Siamo sempre vicino a concludere la nostra valutazione dei vantaggi e degli svantaggi delle offerte e diamo atto che ora è il momento giusto per prendere una decisione. Il denaro è importante, ma è in fondo alla nostra lista di priorità."

Infine, se la trattativa di Lorenzo non andasse in porto, nonostante Honda HRC abbia già annunciato il rinnovo dei suoi piloti, Dani Pedrosa potrebbe essere tentato da un cambio di box. E quello del team di Borgo Panigale, potrebbe essere quello buono.



© Riproduzione Riservata.