BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MOTOG GP/ Test Ducati. Mattia Pasini: poteva andare meglio, peccato per la caduta

Pubblicazione:

Pasini%20Ducati%20Mugello_R375.jpg

Mattia Pasini ieri ha concluso i test con la Ducati GP9 sul circuito del Mugello dove ha potuto approfittare di tre giornate di sole e bel tempo per approfondire la sua conoscenza con la Desmosedici, dimostrando un trend di crescita continuo.

Un processo durante il quale è incappato in due cadute (ieri e giovedì) che non gli hanno tuttavia impedito di cominciare anche a provare qualche modifica di assetto per adattare la moto a suo stile di guida. Un’esperienza positiva per lui e per i tecnici Ducati che hanno apprezzato il suo carattere positivo e determinato e le informazioni che ha saputo fornire.

Il pilota di Riccione ieri ha siglato un miglior tempo di 1’51”9 in 40 giri. Vittoriano Guareschi, che nel frattempo ha provato diversi aggiornamenti per il 2010, ha ottenuto un miglior tempo di 1’51.7 prima di scivolare a sua volta e chiudere così le sue prove.

 

“E’ stata un’esperienza davvero bella e positiva ed avrebbe potuto essere addirittura meglio sotto il punto di vista del miglior tempo assoluto” ha commentato Mattia Pasini alla fine dei tre giorni di test. “Infatti purtroppo questa mattina sono caduto al “Correntaio” dopo aver cominciato la giornata davvero alla grande, con un ottimo feeling con la moto grazie alle modifiche di assetto che avevamo provato già ieri sul finire della sessione. Infatti ho tolto subito un secondo al mio miglior tempo, alla prima uscita. Non mi sono fatto nulla ma ho preso una botta al collo e poi non ho girato altrettanto bene: credo che altrimenti un altro secondo alla fine lo avrei levato. In ogni caso, ripeto, una bellissima esperienza per cui ringrazio Ducati e tutti i ragazzi che mi hanno seguito in questi tre giorni. Ci rivediamo all’Estoril la prossima settimana”.

 

“Durante questo test ho potuto verificare personalmente come Mattia sia in grado di guidare una MotoGP nonostante le difficoltà” ha detto Filippo Preziosi.”Questo è possibile solo grazie ad un talento non comune e ad una determinazione veramente straordinaria. Oggi abbiamo imparato tutti una lezione che va ben oltre le, peraltro interessanti, informazioni tecniche che abbiamo raccolto grazie ai commenti di Mattia: sono certo che ricorderemo a lungo questo test”.



© Riproduzione Riservata.