BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Moto GP: si addensano nubi sul rapporto Rossi- Yamaha

Il campione del mondo lascia intendere in modo chiaro che l'ipotesi di un addio alla Yamaha è una possibilità contemplata per il suo futuro. Ha far cambiare parere a Valentino, il rinnovo della Yamaha con Jorge Lorenzo: "Le case hanno un solo top rider, quindi devo decidere cosa fare"

Lorenzo-Rossi%20Misano_R375.jpg (Foto)

A Misano le dichiarazioni di Valentino Rossi sono del tipo che lasciano un segno e fanno riflettere. Al campionissimo il rinnovo del contratto da parte del compagno di squadra, Jorge Lorenzo, in Yamaha, non è andato proprio giù. Per mesi il maiorchino ha condotto trattative parallele con Ducati e Honda, dando l'impressione di voler lasciare la Yamaha, poi tutto si è risolto. Qualcosa però nell’aria già si fiutava: già negli Stati Uniti, durante la trasferta di Indianapolis il Dottore si era lasciato andare in dichiarazioni lusinghiere nei confronti di Ducati: "Certo che - aveva detto negli Stati Uniti - vedermi sulla Ducati sarebbe veramente bello per tutti. Anzi voglio fare i complimenti a Filippo Preziosi perché secondo me è un vero fenomeno". E il diretto interessato ricambiava: "Essere definiti un fenomeno dal “fenomeno” fa davvero piacere. Rossi è un tipo sempre molto carino e piacevole.

Per quanto riguarda il pilota, inutile dire che uno così interessa a qualsiasi casa." Poi Rossi a rincarato la dose qui a Misano: “Le case hanno un solo top rider, è una situazione un po' strana questa della Yamaha. Dovrò decidere cosa fare. La Yamaha ha due piloti forti e questo è molto producente per la Casa perché è un vantaggio anche nel campionato costruttori. Però, nella storia, le Case hanno avuto solo un pilota di punta: questa situazione alla Yamaha è un po' strana. Per l'anno prossimo ho il contratto già firmato, poi dovrò decidere cosa fare." I giochi si riaprono? Molto dipenderà anche da quello che accadrà domani in gara. Vedremo.

© Riproduzione Riservata.