BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

AUTO/ Montezemolo alla BBC: A fine anno in India e presto una 12 cilindri aperta

Pubblicazione:

Ferrari Montezemolo BBC_R375.jpg
<< Prima pagina

Sollecitato su questioni economiche relativa all’Italia il Presidente di Ferrari ha confermato la grande fiducia che ha nel suo Paese e nella capacità degli italiani anche di fronte a problemi che è comunque urgente risolvere. A un giornalista che gli faceva notare che la sua notorietà in Italia è paragonabile a quella del primo ministro, chiedendo se questo potrà significare una sua candidatura a premier, Montezemolo sorridendo ha risposto “No, non credo proprio”.

In serata poi Montezemolo ha incontrato la stampa specializzata automotive del Regno Unito, anticipando la nascita di una esclusiva versione aperta della 599 che verrà prodotta in un numero limitatissimo di esemplari. “E’ una vettura particolare che vi sorprenderà, riservata a pochissimi clienti che da tempo ci chiedevano una 12 cilindri aperta. Non la presenteremo ad un Salone ma organizzeremo delle presentazioni private”.

Quanto all’adozione di nuove tecnologie, anche in funzione della riduzione dei consumi, il Presidente della Ferrari ha confermato l’attenzione verso l’ibrido sottolineando come i tecnici di Maranello stiano lavorando su tutti i fronti. A chi chiedeva dettagli su motori V6 o turbo Montezemolo ha risposto che indipendentemente dalla tecnologia quello che guiderà la riduzione delle emissioni e dei consumi per Ferrari saranno sempre innovazione, tecnologia estrema e scambio costante con la Formula 1, mantenendo intatti la sportività e il divertimento di guida che rendono uniche le Ferrari.

A proposito delle competizioni Montezemolo ha ribadito che per la stagione in corso dopo una buona partenza la squadra deve lavorare per essere più competitiva ma è tranquillo sulle capacità delle persone Ferrari e sulla loro reazione già dalle prossime gare. Sul futuro della Formula 1 il Presidente ha confermato la necessità di un lavoro comune di tutti gli attori coinvolti per creare gare più appassionanti e l’attenzione alla riduzione dei costi ma non a scapito della competizione sportiva e tecnologica.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.