BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PSA PEUGEOT CITROËN/ Quegli aiuti di Stato che che in Francia diventano “legali”

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Perché è in crisi, come sono in crisi tutte le case europee che sono scese nei segmenti di categoria, mentre competitor come i coreani sono saliti di qualità, mantenendo prezzi molto scontati. Si tratta di concorrenti agguerriti che producono a costi competitivi e che le aziende europee non sono in grado di fronteggiare.

Qual era l’alternativa di Peugeot agli aiuti di Stato?

Nel primo semestre del 2012 si ipotizzò di tagliare i costi, sia dal punto di vista degli stabilimenti produttivi che da quello degli investimenti nei nuovi modellli. Probabilmente, l’azienda si è resa conto che non sarebbero riusciti a tagliare in tempi sufficientemente rapidi da bloccare l’emorragia di cassa.

L’Europa ci avrebbe consentito di fare altrettanto?

Ho la sensazione che non ce l’avrebbero concesso. La vicenda, d’altro canto, riflette come la continua denuncia del fatto che la Fiat sia sopravvissuta grazie allo Stato, è una fissazione italiana. La realtà dimostra come gli altri Paesi sostengono la propria industria dell’auto in maniera più convinta e sistematica di noi. Ci riescono in ragione di una forte volontà politica nazionale e di una certa capacità di lobbing nei confronti dell’Europa di cui, evidente, noi non disponiamo. 

 

(Paolo Nessi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
12/02/2013 - commento (francesco taddei)

l'europa è sempre a più velocità. rendiamocene conto e cominciamo a correre pure noi