BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FIAT/ La "privatizzazione" di Marchionne sposta la sede da Torino a Detroit

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Sergio Marchionne e John Elkann (Infophoto)  Sergio Marchionne e John Elkann (Infophoto)

E' avvenuto con Sergio Marchionne. E' in questo senso che la Fiat si sta privatizzando ed è in questo senso che non è così assurdo immaginare uno spostamento del quartier generale negli Stati Uniti. 

 

Cosa perderebbe l’Italia in caso di uno spostamento della Fiat?

 Prima di tutto l’Italia dovrebbe meritarsi di mantenere entro i propri confini aziende come la Fiat, eppure al momento sembra prevalere una mera logica del “pretendere” che non prevede il minimo sforzo per tentare di recuperare competitività. Detto questo, credo che dal punto di vista pratico un eventuale trasferimento non comporterebbe conseguenze così pesanti.

 

Come mai?

 Innanzitutto perché dobbiamo fare chiarezza sulla definizione di “quartier generale”. Attualmente la gestione Chrysler si svolge negli Usa e quella Fiat in Italia, dove per altro sono attivi diversi stabilimenti. Allora cosa si intende quando si parla di “spostamento”? Dell’ufficio di Marchionne o di cosa? Piuttosto le domande che dobbiamo porci sono altre: la quota azionaria del capitale sociale della holding che oggi è in mano agli Agnelli è destinata a diluirsi? Se sarà necessario un aumento di capitale, gli Agnelli metteranno mano al portafoglio o serviranno altri azionisti? E chi saranno? Purtroppo sono tutte domande che al momento non hanno risposta.

 

(Claudio Perlini)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.