BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

QUAD/ Costo, vantaggi e polemiche per il veicolo-boom a quattro ruote

Pubblicazione:

Il quad (immagine dal web)  Il quad (immagine dal web)
<< Prima pagina

Per i più che vogliono cimentarsi con una guida anche a noleggio dei quad, pratica molto diffusa nelle zone turistiche e attorno a spiagge e litorali, la versione utility va più che bene: aspetto più massiccio, più protetto e carrozzato. Trazione integrale e marce ridotte, a volte azzerate con il comodo monomarcia di stampo "scooteristico", con motore a 2 o 4 tempi e con cilindrate che viaggiano tra i 200 e i 700 cc. Occhio però che non tutti i quad sono omologati, proprio per la grande varietà di opzioni su telaio e motore che non ne fanno un mezzo semplice da gestire con le regole dei normali veicoli cittadini.
Volete portarci la fidanzata scettica per questa "anomalia" di veicolo? Potete, specie nella versione utility di fatto comportandosi come una normale moto e che una relativa comodità anche per il passeggero, molto più difficile invece per la categoria sportiva (anche se lì vedo più difficile la lieta partecipazione della suddetta compagna). Con un costo che può aggirarsi tra i 4mila e 12mila euro per le versioni e le marche più specializzate, i grandi dubbi rimangono sempre sulla modalità e la comodità di guida: gli esperti dicono che la seduta è più comoda di quanto si pensi, con in più la semplicità di guida di una moto qualsiasi che rende il mezzo maneggevole e non complesso da guidare. Nascendo come fuoristrada, molto indicato per le superficie difficili da raggiungere, il quad è ideale per i più estremi che si cimentano con il guadare corsi d'acqua o per le arrampicate per terreni irti. La stabilità è però il grande cruccio di questo mezzo bizzarro e amato da più giovani: il viaggio lungo in quad è complesso per la grandezza di una minicar ma senza coperture, con il rischio che al minimo tamponamento le conseguenze siano più gravi di qualsiasi altro mezzo. Scarsa è l'autonomia di carburante (non più di 200km di norma) e ridotta anche la capacità di carico che non consente di trasportare a bordo molto con sé.
Emozione, avventura, ma anche rischio e pericolo: provare per credere con un consiglio. Non ditelo alla fidanzata però, e men che meno alla mamma, a meno di convincerla con la supercazzola del latino. Buona fortuna.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.