BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Renault: tra Mitsubishi e Nissan l'alleanza è solo sulla carta

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Carlos Ghosn, a capo di Nissan e da oggi anche di Mitsubishi  Carlos Ghosn, a capo di Nissan e da oggi anche di Mitsubishi

La chiamano “alleanza”, ma in realtà è qualcosa di molto diverso. Nissan Motor Co., Ltd., ha completato il 20 ottobre l’acquisizione di una quota del 34% del capitale azionario di Mitsubishi Motors, diventando il primo azionista della società. Mitsubishi dè dunque diventato parte dell'Alleanza globale con Nissan e Renault. O meglio, è la più piccola delle matrioska della cosiddetta “Alleanza”. Nel 1999, infatti, Renault, con il manager brasiliano Carlos Ghosn alla guida come vicepresidente esecutivo, comprò il 36,4% (poi salito al 43,4%) di Nissan, che si è comprata il 34% di Mitsubishi. Con l'aggiunta di MMC, l'Alleanza diventa uno dei 3 Gruppi automobilistici più grandi al mondo in termini di volumi globali, con circa 10 milioni di unità vendute nell'anno fiscale 2016.

Portato a casa il marchio, però, escono allo scoperto i primi problemi. Primo fra tutti il cannibalismo interno. La questione è emersa oltreoceano. Come potrebbero infatti Nissan Motor Co. e Mitsubishi Motors Corp. cooperare in Nord America, ora che le due case automobilistiche hanno completato il loro tie-up? Il Ceo di Nissan Carlos Ghosn e il suo omologo Mitsubishi, Osamu Masuko, ammettono infatti di aver appena iniziato a studiare il problema. Un'ipotesi è quella di collaborare sui pick-up per diventare una "centrale elettrica a livello globale". Ma già il giro di poltrone nell'esecutivo delle due aziende si colloca in modo da riflettere in maniera abbastanza efficace efficace l'acquisizione dii Mitsubishi da parte di Nissan. In Nord America Nissan l'ex delle operazioni spagnole del marchio, Jose Munoz, assumerà un incarico aggiuntivo: quello di global chief performance officer, con decorrenza dal 1 novembre.

La storia si ripete. Il Ghosn che nel 1999 alla guida di Renault comprò Nissan è lo stesso Ghosn che oggi siede al vertice di Nissan e che sa che, attraverso la partnership con la MMC, il marchio otterrà vantaggi sinergici del valore di 24 miliardi di yen nell'anno fiscale 2017, destinati a diventare 60 miliardi di yen nell'anno fiscale 2018 e in seguito contribuiranno ad aumentare il valore dell’utile azionario di circa 4 yen per azione nell’anno fiscale 2017 e di 10 yen per azione nell’anno fiscale 2018, oltre a eventuali incrementi dei guadagni correlati alla partecipazione complessiva di Nissan in Mitsubishi Motors.

All’acquisizione, pardòn, a quest’ultimo tassello dell’Alleanza, Ghosn ci è arrivato, se non passando sul cadavere, affondando il dito nella piaga. Vi ricordate cos’era successo ad aprile? Per rinfrescarvi la memoria, andate a rileggervi questo breve articolo. Nissan prima ha accusato Mitsubishi, la propria fornitrice, di aver barato sulle emissioni, poi l’ha stretta in un angolo, costringendola ad ammettere di aver falsato i dati relativi alla pressione delle gomme di 625mila automobili per ottimizzare i consumi di carburante, dopodiché è saltata al collo della propria preda. In pratica, stava facendo in gran segreto una sorta di due diligence sulla concorrente e voleva comprarla pulita (ne abbiamo parlato dettagliatamente in questo articolo).



  PAG. SUCC. >