BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FCA/ I piani di Marchionne e la "profezia" di Rifkin

Pubblicazione:

Sergio Marchionne (Infophoto)  Sergio Marchionne (Infophoto)

Dieci anni di vacche grasse, ma anche di vertiginoso e costoso cambiamento, e poi una picchiata da si salvi chi può. Forzando un po' i toni è quello che s'intravede per il futuro dell'auto, a incrociare gli ultimi ragionamenti pubblici di Sergio Marchionne - certo tra i più lucidi del suo settore e anche tra i più visionari, per quanto non si possa mai sapere se dica tutta la verità, o solo una parte o solo una verità di comodo; con le ultime analisi in materia avanzate da Jeremy Rifkin, l'ultimo e il più grande dei futurologi, uno che quando vent'anni fa scrisse "L'era dell'accesso" previde sia la civiltà della Rete, sia la crisi delle telco.

Dunque, cosa dice Rifkin? "Sono ottimista, perché i giovani non vogliono più avere la macchina, vogliono avere accesso al car sharing usando lo smartphone. Bastano dieci minuti per trovare una macchina adatta con lo smartphone. Costa meno che possederne una, perché bisogna avere la macchina se si può avere questo? Ci sarà un nuovo tipo di modalità nei prossimi 30 anni. Per ogni macchina condivisa eliminiamo 15 macchine dalla produzione. Questo significa la fine della catena di montaggio".

Ora, facciamo la tara su quell'eterno ottimismo yankee che perfino un uomo intelligente come Rifkin manifesta, anche quando dice cose stravolgenti come il vaticinio sulla fine della catene di montaggio, e vediamo che c'è "dentro" la previsione. C'è una decimazione della produzione di auto. Se non una a quindici, una a dieci. Magari usate a tempo pieno anziché lasciate in garage, e quindi soggette a una più alta velocità di rottamazione. Ma uno scenario del genere significa dimezzare la capacità produttiva installata nel mondo, Cina e India comprese.

Questa faccenda del car-sharing dell'avvenir lascia però perplessi la maggior parte di noi, automobilisti d'ordinanza. Che in fondo consideriamo l'automobile di famiglia come un "vano in più" dell'appartamento. Ci lasciamo dentro i peli del cane, i vasetti con le piantine di gerani da trapiantare sul balcone, l'Arbre Magic che preferiamo. Impensabile condividerla con degli sconosciuti. Impensabile privarsi della proprietà esclusiva del mezzo.

Oggi. Ma calma un attimo. Cosa sta succedendo nella tecnologia dell'automobile? Tre megatrend. Il primo è l'elettrificazione. Ovvia: vero che l'inquinamento da produzione di energia elettrica cresce, ma centralmente (cioè nelle centrali, molto meglio filtrabili) mentre quello da emissioni gassose periferiche scende. Inoltre se la scorsa settimana la Germania per la prima volta ha vissuto una giornata in cui le fonti rinnovabili hanno complessivamente prodotto e messo in rete più elettricità delle fonti fossili, significa che eolico idroelettrico e fotovoltaico si avviano a mettere in rete direttamente sempre più energia elettrica prodotta a emissioni zero. Certo, il riciclaggio della batterie inquina: ma il loro smaltimento funziona ed è un buon business. Quindi, auto elettrica tutta la vita: ma non c'entra con il car-sharing caro a Rifkin. 



  PAG. SUCC. >