BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA E AUTO/ La paura della Brexit "a 4 ruote"

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto
<< Prima pagina

Se il 23 giugno al referendum dovesse prevalere la scelta di abbandonare l'Unione europea, i veicoli prodotti in Inghilterra ed esportati verso l'Ue potrebbero dover sopportare un dazio del 10 per cento e i componenti del 2,5 per cento, ha detto Michael Hawes, ceo di Smmt in un'intervista di qualche giorno fa. «Ciò significa che un impianto inglese dovrebbe riuscire a recuperare il 10 per cento di efficienza in più rispetto a oggi. Cosa molto difficile da realizzare perché si tratta di impianti già molto efficienti. La fabbrica Nissan di Sunderland, ad esempio, è probabilmente l'impianto più efficiente in Europa, ma deve competere con gli altri impianti nell'Ue per ottenere il prossimo modello da produrre e il dazio non la favorirà certo», ha detto Hawes, aggiungendo come sia improbabile il rapido raggiungimento di un accordo di scambio con l'Europa, visto che sicuramente bisognerebbe fare i conti con le pressioni dei governi di quei Paesi europei dove sono localizzate le fabbriche dello stesso costruttore concorrenti con quelle inglesi.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.