BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Musica e concerti

AREA/ Paolo Tofani: le parole che non ho mai detto a Demetrio Stratos

Erano la band più politicizzata degli anni 70 ma, ideologia a parte, erano un gruppo musicale di rara potenza, sperimentazione e tecnica. Stiamo parlando degli Area. Il chitarrista PAOLO TOFANI, alla vigilia della reunion al Blue Note, ci racconta la sua storia

Area_R375.jpg(Foto)

AREA - REUNION BLUE NOTE - INTERVISTA A PAOLO TOFANI: Erano la band più politicizzata dell’Italia anni Settanta: gli Area. Ma, ideologia a parte (sempre che questo fosse possibile), erano un gruppo musicale di rara potenza e capacità tecnica. Nelle sue fila un cantante straordinario, Demetrio Stratos, con quattro strumentisti di doti cristalline come il chiattrista Paolo Tofani, il tastierista Patrizio Fariselli, il bassista Ares Tavolazzi e il batterista Giulio Capiozzo. Gente che ha inciso cose eterne, pur nella vistosa specificità delle sperimentazioni degli anni Settanta.

Le vicende della vita hanno portato alla scomparsa di Demetrio nel 1978 e di Capitozzo tre anni fa. Le stesse vicende hanno poi condotto i tre rimasti sul palco per alcune rare reunion, grazie all’opera di stimolo di Mauro Pagani (che proprio negli anni d’oro degli Area, viveva da leader la stagione felice della Premiata Forneria Marconi). Ora gli Area ci riprovano con un concerto attesissimo al Blue note di Milano (21 settembre), ritorno nella capitale lombarda dove la band è stata, ai tempi del Parco Lambro, uno dei nomi simbolo della felice stagione musicale degli anni Settanta.

Una delle menti più ricche e sperimentali degli Area, Paolo Tofani, ora si fa chiamare Krishna Prema (“un nome che sta a indicare Dio-amore, perché io voglio essere il servitore dell’amore per Krishna”) e vive in una fattoria nella campagna piacentina, continuando a vivere di musica.
È senza dubbio uno dei più grandi chitarristi viventi (non solo italiani), anche se la maggior parte dei giovanissimi non ne conosce il nome. Incide musiche religiose per le comunità buddiste e costruisce strumenti a corda, oltre - ovviamente - a dar vita a progetti di musica sperimentale e contemporanea.

È con lui che abbiamo provato a capire il senso di questo ritrovarsi sul palco degli Area, una reunion impedibile per tutti coloro che vivano ancora l’affetto per la grande musica.

Come mai gli Area si sono ritrovati? Divertimento, nostalgia o c’è ancora qualcosa da dire nel vostro discorso musicale?

La voglia è la risultanza di tante esperienze che hanno lasciato il segno nella nostra dimensione umana e che anche dopo tanti anni di lontananza non possono essere dimenticate. Noi non suonavamo e basta: vivevamo insieme, progettavamo, ci sfidavamo l’un l’altro. Poi siamo stati lontani per qualche decennio fino a che, lo scorso anno, la proposta di Mauro Pagani ci ha portato insieme sul palco a Siena. È stato divertente ed emozionante. Ed eccoci ancora qui, pronti per il pubblico di Milano

Gli Area e la PFM sono le due band italiane più conosciute nel mondo. Perché - al di là della tragedia di Demetrio Stratos - a un certo punto è finito tutto?



COMMENTI
21/09/2010 - Che brividi!!! (Guido Gazzoli)

Di ricordi gli anni settanta me ne hanno dati a bizzeffe ma ho assistito all'esordio degli AREA a Milano come gruppo spalla degli inglesi Atomic Rooster.Dopo tre minuti 3 vennero fischiati sonoramente da un pubblico che evidentemente era molto a digiuno di jazz e altro.Intervenne Zard a difenderli,tornarono sul palco e Demetrio propose un pezzo del suo ex gruppo (I ribelli)applauditissimo...non avevano capito che li stava prendendo in giro. Poi fortunatamente , a partire da CRAC (il terzo LP) iniziarono a poter terminare i concerti e ebbero un successone che trovò il suo apice al Festival del Parco Lambro. Elementi di una stagione indimenticabile che ebbe ancghe in altri gruppi delle originalità che ancora al giorno d'oggi sorprendono...provate a mettere un disco degli Area o del Perigeo e dite che è stato fatto ieri...poi quando si son segnati tutto spiegate ai vostri ospiti che hanno ascoltato musica degli anni settanta..reazioni da test psicologico!!