BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Rubriche

CASO MPS/ Profumo sogna una Siena "libica"

Alessandro Profumo (Infophoto)Alessandro Profumo (Infophoto)

Attratto da un titolo bancario low-cost e “contendibile”  è spuntato anche il fondo Pamplona: passaporto inglese, capitali russi (o meglio “apolidi”). E le Fondazioni italiane? Spossate dagli aumenti di capitale e dalla bassa redditività delle partecipazioni, arrancano anche in UniCredit: perfino la Crt di Palenzona ha dovuto tagliare la sua quota al 2,5%, meno della metà del fondo sovrano del Golfo.

Nel frattempo Profumo è stato rimosso ed è finito sotto processo a Milano per presunti illeciti fiscali in operazioni di finanza strutturata a UniCredit. Ora, rientrato in gioco come presidente a Montepaschi, “sogna”: all’inferno le Fondazioni, il loro gigantismo bancario e la loro avidità di profitti da parte dei loro banchieri; spazio ai “grandi soci finanziari”.

© Riproduzione Riservata.