BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Rubriche

FINANZA E POLITICA/ Se la Cgil scende dal treno di Matteo

Infophoto Infophoto

Moretti, dal canto suo, rivendica un indubbio risanamento del bilancio Fs, ma è anche il capo di un’azienda concessionaria di pubblico servizio quotidianamente sotto attacco da parte di milioni di pendolari per la qualità di quel servizio. Il suo profilo assomiglia un po’ troppo a quello di molti banchieri che hanno difeso e continuano a difendere il loro bonus come percentuale congrua di un profitto “mordi e fuggi” realizzato a vantaggio dei fondi grandi azionisti, ma spesso a danno dei clienti.

Altro versante sul quale Moretti è via via sostenuto o criticato, vezzeggiato o temuto è quello della liberalizzazione del business ferroviario: terreno - quello dell’Alta (e redditizia) velocità, sul quale Fs compete con Ntv, nella quale Luca di Montezemolo sta mettendo l’immagine, Diego Della Valle un po’ di capitale, Intesa Sanpaolo del credito e il polo statale francese Sncf il patronage imprenditoriale (a proposito: Montezemolo è il presidente pre-designato di Alitalia in fase di cessione a Etihad). Non è un caso che proprio Della Valle abbia invitato prontamente (forse un po’ troppo...) Moretti a confermare l’intento-minaccia di andarsene.

I super-manager e i loro bonus più o meno maxi; il costo-qualità dei servizi di mobilità basica per il cittadino, il lavoratore, l’imprenditore, il turista, ecc.; la liberalizzazione, la privatizzazione, l’internazionalizzazione di un mercato importante, di un’infrastruttura davvero strategica per l’Azienda-Paese. Tutto si può dire, ma non che la diatriba Renzi-Moretti sia robetta da giornali della domenica. E quando Moretti sembra prevenire i “desiderata” di Renzi con un’intemerata classica (“Mi avete stufato, me ne vado, io un posto lo trovo sempre”), non riesce a evitare di scagliare sul tavolo l’altrettanto classica carta del ricatto lobbystico: senza di me (senza di noi) Fs (il Paese) si sfascia del tutto. Ma Renzi ha già dimostrato di essere uno cui piace sbagliare da solo. E se la Cgil non vuole pagare il biglietto è probabile che stavolta debba scendere dal treno.

© Riproduzione Riservata.