BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

MISURE CDM/ 2. Tasse, sicurezza e rifiuti: punto per punto i cambiamenti

Il Consiglio dei ministri tenutosi ieri a Napoli porta molte novità, soprattutto per le famiglie e i lavoratori dipendenti del settore privato. All’interno una scheda sintetica di tutti i provvedimenti previsti. L’esperto di diritto tributario STEFANO MORRI analizza invece le misure introdotte sul piano fiscale e le relative coperture finanziarie

agenda_FN1.jpg(Foto)

Il consiglio dei ministri che si è tenuto ieri a Napoli ha dato i primi segnali concreti sulla politica economica del governo. Non solo l’alleggerimento fiscale annunciato su Ici e straordinari, ma anche un accordo con le banche per rinegoziare i mutui. Silvio Berlusconi ha sottolineato di voler «porre rimedio alla perdita del potere d’acquisto dei redditi degli italiani». Il ministro dell’Economia Giulio Tremonti ha chiarito che «non si tratta di un “miracolo” ma sicuramente di un “sollievo”. Togliamo l’angoscia alle famiglie».
Per l’Ici sembrano non esserci sostanziali novità rispetto a quanto già annunciato (cancellazione dalla tassa sulla prima casa, trasferimenti ai Comuni del gettito che viene meno, esclusione delle ville e case di lusso), qualche dettaglio in più arriva invece sulla detassazione degli straordinari che riguarderà i lavoratori del settore privato. Il pacchetto di ieri, tra fisco, sicurezza e rifiuti ha la copertura per 2,6 miliardi, ma a coprire le spese saranno i “tagli ai regali” e ai “capricci” e non nuove tasse, come ha ribadito il premier.
Su Alitalia spunta l’ipotesi, da comunicare a Bruxelles di considerare il prestito-ponte di 300 milioni non solo un debito ma come “patrimonio netto a copertura delle perdite”.
Soddisfazione per le novità sui mutui, che potranno essere rinegoziati, mentre si annuncia un complesso progetto di riforma del pubblico impiego. Per ora niente bonus bebé, la misura non faceva parte del pacchetto annunciato ma è comunque allo studio e potrebbe essere all’ordine del giorno del prossimo consiglio dei ministri.

I provvedimenti di ieri in sintesi:
 
ICI PRIMA CASA: abolita da giugno l’imposta comunale sugli immobili. Nessun bollettino da pagare anche per tutte le pertinenze sulla prima casa: box, garage, cantine e soffitte. La tassa sulla casa resta invece su seconde case e le abitazioni di lusso.
 
MUTUI: FAMIGLIE POTRANNO PASSARE AL TASSO FISSO: Le rate per le famiglie potranno essere convertite dal tasso variabile al fisso ai valori del 2006. Alla scadenza del mutuo se i tassi sono saliti, il contratto durerà di più, altrimenti se i tassi sono scesi, verrà adeguata al ribasso la rata.
 
STRAORDINARI, DETASSAZIONE PER IL SETTORE PRIVATO: Per gli statali ci sarà un più complessivo progetto di riforma. Non rientrano nella misura i lavoratori pubblici impegnati sulla strada, come poliziotti o vigili del fuoco. Tetto di 30.000 euro di reddito per godere dello sgravio fiscale su un massimo di 3.000 euro di “premi”.
 
ALITALIA, PRESTITO-PONTE COME PATRIMONIO: Si apre la possibilità, Bruxelles permettendo, di trasformare il prestito-ponte in patrimonio netto a copertura delle perdite.
 
BANCHE: Nel giro di un mese verrà deciso un provvedimento fiscale per tutti quei settori che hanno avuto particolari profitti. Si agirà sulla rimodulazione della base imponibile.
© Riproduzione Riservata.