BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GIUSTIZIA/ Macaluso (ex Pci): caro Berlusconi, se vuoi la tua giusta riforma vai a processo

Pubblicazione:martedì 17 novembre 2009

BerlusconiConferenza_R375.jpg (Foto)

 

 

L’opposizione deve trovare una sua linea. Per ora sa dire no a Berlusconi, dovrebbe iniziare al più presto a fare lo stesso con Di Pietro. Spero che Bersani ce la faccia, tra i candidati alla segreteria era l’unico che poteva avere qualche speranza di successo.

Su quali punti principalmente si auspica un cambio di rotta?

Il problema è a monte. Il Pd nasce dalla fusione di partiti che hanno idee diverse riguardo alla giustizia, al welfare, alla laicità… Manca una base comune. C’è ancora tanto da costruire.

Aveva quindi ragione Rutelli a parlare di “partito mai nato” e a sottolineare il passo indietro verso la socialdemocrazia?

Se questo passo verso la socialdemocrazia ci fosse davvero stato, sarebbe un passo avanti, non un passo indietro.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
17/11/2009 - Sinistra barzelletta (Marco Voli)

Fa quasi tenerezza un ex-PCI che ammette candidamente che la proposta di 6 anni per processo va bene, ma non va bene che la faccia Berlusconi. E' come la barzelletta di quello che dice "io non sono razzista è lui che è negro". Cioè loro sono tolleranti, cercatori di unità, accoglienti e aperti al dialogo, sono gli altri che sono cattivi o sgraditi. Si stracciano le vesti perché per riformare la giustizia si dovrebbe ascoltare i magistrati. Sembra giusto, come per riformare la scuola si dovrebbe sentire i docenti. Per ogni problema, prima di legiferare bisognerebbe sentire gli esperti. Giusto? Troppo giusto! E invece NO, perdiana, NO! Bisogna sentire chi il servizio lo riceve, per la scuola bisogna sentire i genitori, e per la giustizia bisogna sentire le vittime dei reati... e dei magistrati. Perché un processo che dura più di sei anni significa che le prove non ci sono e qualcuno si arrampica sugli specchi per costruirle più che per cercarle. La sinistra ha affossato il lodo Alfano che rimandava anche i termini di prescrizioni per le alte cariche e ora si lamenta che una riforma -che riconosce giusta- potrebbe portare alla prescrizione per Berlusconi. Ma allora è la sinistra che pensa le cose ad-personam!