BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

SCENARIO/ Amicone: dall’Unità segnali di ribellione al contadino ubriaco

LunitaR375.jpg(Foto)

 «E cioè, che da questa parte, dalla parte degli antiberlusconiani, siamo in tanti, la pensiamo in maniera diversa su tante cose, ma siamo costretti a stare tutti insieme. Siamo costretti a stare sempre insieme con forcaioli, violenti, reazionari, comici diventati messia, gente che starà bene soltanto quando vedrà tutti in galera, altri che fanno una satira di serie C e altri ancora che mandano mail a tutto il mondo con barzellette su Berlusconi o sull’altezza di Brunetta».

 
Conclusione: «Molti di quelli che stanno da questa parte sono diventati, o sono disposti a diventare, peggiori di quelli che sono. Perché, dicono, è Berlusconi che ci costringe a farlo. Ecco, è esattamente questa conclusione che respingo con tutte le forze: non voglio essere peggiore di quello che sono; perché lo sarei da quindici anni e ancora per qualche anno, suppongo. E si può essere peggiori in modo cosciente, e addirittura volontario, per un giorno o per una settimana, ma non per un Ventennio».

 
Insomma, anche dalle parti del Pd c’è qualcuno e, si spera molti di più nelle settimane, mesi e anni a venire, che vorrebbero sottrarsi alla logica del contadino ubriaco. Colui che, diceva Martin Lutero, va come va il mondo. E che «non si fa in tempo ad aiutare a montare in sella da una parte che subito cade dall’altra».

© Riproduzione Riservata.