BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LEGGE 40/ Gambino: La Corte al bivio tra la buona e la cattiva strada

Pubblicazione:venerdì 3 aprile 2009

embryoR375_25mar09.jpg (Foto)

La sentenza della Corte costituzionale che ha dichiarato illegittime le parti della legge 40 sul limite massimo della produzione in provetta di tre embrioni e la mancata previsione di un rifiuto all’impianto motivato dal pregiudizio della salute della donna, ha suscitato interpretazioni discordanti. Abbiamo chiesto un commento al prof. Alberto Gambino, Ordinario di Diritto privato e responsabile del Centro dipartimentale per la ricerca dell'Università Europea di Roma.

 

Cosa dice esattamente questa decisione della Corte costituzionale?

 

Dobbiamo aspettare le motivazioni per dare un giudizio definitivo. Dal comunicato della Corte emerge che cade il divieto di creare fino a tre embrioni. Inoltre mentre prima la scelta del numero di embrioni da creare (comunque non superiore a tre) era legato a “quello strettamente necessario ad un unico e contemporaneo impianto”, ora cade quest’ultima parte della norma e, dunque, il numero di embrioni da creare (anche superiore a tre) si legherà a ciò che è “strettamente necessario”.

Ma viene da chiedersi, cosa significa “strettamente necessario” se disancorato dal fine dell’ “unico e contemporaneo impianto” che ora non c’è più? Si intende “necessario” rispetto al raggiungimento della gravidanza? Vuol dire che si potranno creare più di tre embrioni perché si immagina, nell’atto della loro produzione, che una volta deposti nella sede uterina non tutti si impianteranno e, quindi, è opportuno trasferirne più di tre?

Ma questo crea un altro problema legato appunto al richiamo della Corte relativo al rifiuto della donna motivato da “pregiudizio della salute”.

 

Cosa significa questo in concreto?

 

Significa che in punto di partenza si potrebbe creare un certo numero di embrioni ritenuti dal medico “necessari” per ottenere la gravidanza in rapporto alle condizioni cliniche e di età della donna e, dunque, anche superiori a tre, ma poi, in concreto, nella fase del trasferimento nella sede uterina doverne scartare alcuni per il rischio di compromettere la salute a causa di un’eventuale gravidanza plurigemellare.

Mi pare apparente la contraddizione tra l’ammettere che si possano creare più di tre embrioni e l’evidenza che con il trasferimento in utero di più di tre, potremmo arrivare a gravidanze quadrigemine sicuramente rischiose per la salute della donna.

 

Si è detto che ciò di fatto aprirebbe all’eugenetica.

 

Sì, se si verificasse davvero una doppia fase valutativa, una attinente alla fase della produzione degli embrioni, relativa al numero astrattamente necessario per la gravidanza, e poi una attinente alla fase del trasferimento, dove la salvaguardia della salute della donna potrebbe consigliare di trasferire un numero di embrioni minore di quelli prodotti. Davanti a più di tre embrioni prodotti e la pericolosità di trasferirli tutti, si finirebbe per sceglierne alcuni, scartando gli altri. Del resto era proprio questo che si voleva evitare con il limite dei tre embrioni, che comunque avrebbero al massimo comportato gravidanze trigemine, che oggi si possono affrontare.

 

Dunque cosa ne sarebbe degli embrioni in eccedenza?

 

Verrebbero presumibilmente crioconservati, come già avviene oggi per gli embrioni che non sono stati trasferiti “per causa di forza maggiore”. Alla forza maggiore ora si aggiunge l’eventualità del pregiudizio alla salute della donna.

 

E’ possibile una lettura diversa?

 

Ripeto, dobbiamo aspettare le motivazioni per una lettura completa. Certamente le valutazioni cambierebbero se in realtà l’eliminazione del tetto dei tre embrioni fosse un atto di fiducia nella scienza e si intendesse che un giorno potrebbero affrontarsi, senza particolari rischi per la donna, anche gravidanze quadrigemine e oltre.

 

Ritiene possibile questa interpretazione?

 

La decisione, in effetti, non tocca altre parti della legge che pur erano state impugnate, a cominciare dal divieto di “riduzione embrionaria di gravidanze plurime”. Dunque parrebbe corretto ritenere che già nella fase della scelta del numero di embrioni da produrre (apparentemente libero, secondo il comunicato della Corte) si soppesi tale decisione con il grado di pericolosità di gravidanze plurigemellari sulla salute della donna.

Il che allora porterebbe a dire che in concreto, almeno fino a nuove certezze scientifiche, il numero limite di embrioni producibili in provetta sia ancora al massimo tre, in vista appunto di possibili gravidanze trigemine oggi affrontabili. Peraltro è auspicabile che, considerati i progressi delle tecniche in atto e dei lusinghieri risultati, gli embrioni prodotti siano uno o al massimo due.

 

Qualcuno ha intravisto in questa decisione un conflitto tra Parlamento “eletto” che legifera e Corte costituzionale “non eletta” che vanifica le leggi, Lei che ne pensa?

 

Se intende riferirsi alla possibilità di discutere dei criteri di rappresentatività della Corte costituzionale - che oggi è composta da cinque membri eletti dalle Magistrature, cinque dal Parlamento e cinque designati dal Capo dello Stato - tutto si può fare, ma non lo ancorerei alla emotività conseguente ad una decisione, rispetto alla quale peraltro dobbiamo ancora leggere le motivazioni.



© Riproduzione Riservata.
 
COMMENTI
05/04/2009 - Paradoso per paradosso ... (Claudio Celli)

Quel che Alexia sottende, ma che si evidenza con pienezza è che Dio è abortista (e in fondo un po'assassino): nella sua onniscenza ed onnipotenza permette la soppressione di innumerevoli vite (embrioni, feti, materiali biologici, spermatozoi, ovulazioni). Ovvero: quando per dimostrare il dogma, gli si sottomettono logica e il buon senso, si deve accettare che, sillogismo dopo sillogismo, si possa giungere a dimostrare tutto e il contrario di tutto: anche l'eresia.

 
03/04/2009 - a giovanni ceroni (alexia zucchetto)

sai qunte "morti" capitano naturalmente nell'utero delle donne? parlo di embrioni che naturalmente smettono di vivere nelle primissime ore del loro impianto, o di embrioni che muoiono prima di impiantarsi? ma a quegli embrioni non pensate mai? dovrebbe essere vietato dalla legge, quindi, procreare?

RISPOSTA:

Cara Zucchetto, capiamo che è ben convinta delle sue posizioni, ma questo commento ci sembra francamente un po' troppo paradossale. Ci sono morti per incidenti stradali, dovremmo rendere illegale guidare un auto? Invece è giustamente illegale guidare a 100 Km/h in stato di ebbrezza in un centro abitato: le morti che statisticamente deriverebbero da tali comportamenti sarebbero inevitabili e quindi - giustamente - la legge tutela la vita impedendo comportamenti che, ripetiamo, inevitabilemente causerebbero morti innocenti. Come nel nostro caso. Un saluto. La redazione

 
03/04/2009 - Lusinghieri risultati? (Giovanni Ceroni)

Caro prof. Gambino, mi stupisco come una persona del suo calibro arrivi a parlare addirittura di "lusinghieri risultati". Stiamo perlando dell'aumento dei ricorsi alle tecniche che ha portato un numero maggiore di bimbi in braccio? O ad un ipotetico miglioramento dell'applicazione delle tecniche stesse? Ma così, senza mai dire una parola sui morti impliciti nella 'produzione' dell'uomo, come faremo a far capire che la fivet è gravemente illecita in quanto 'produce' l'uomo sacrificando il 95% degli embrioni delle provette. Come pensare di avere una società giusta se non ci mettiamo in prima linea a denunciare ogni singolo sopruso sull'embrione? Produrre l'uomo è umanamente e razionalmente inaccettabile, quando inizieremo a dirlo pubblicamente ed apertamente? Un caro saluto Giovanni Ceroni

RISPOSTA:

Caro Ceroni, quando parlo di "lusinghieri risultati" mi riferisco alla relazione tecnica sui primi anni di applicazione della legge 40. Dal punto di vista morale concordo con Lei, ma prima della legge le cose erano ben peggiori. Per essere però definitivamente chiaro anche sul punto, Le riporto quanto scrivevo ad inizio del 2008 su benecomune.net: "La battaglia referendaria a favore della legge sulla fecondazione assistita, fondata, secondo il criterio del male minore, sulla riduzione dei rischi di eliminazione di embrioni e ad impedire fecondazioni eterologhe, ha finito per far considerare quella legge anche da chi si è impegnato nel difenderla come una buona legge. Ora proprio i casi, in cui alcuni giudici di merito (da ultimo il Tribunale di Firenze), hanno voluto reinterpretare (ma in realtà disattendere) la legge 40 alla luce della legge 194, consentendo che possano selezionarsi e, dunque, sopprimersi alcuni embrioni proprio nell’ottica di quel pregiudizio alla salute psichica della donna, in realtà mette in luce in modo evidente come anche la legge 40 abbia un limite enorme: con essa si consente di creare la vita in provetta, sradicandola dall’alveo naturale dell’utero della madre, così creando un embrione “solitario” e di fatto impossibilitato a vivere senza una donna che lo accolga. Così si è finito per reificare (rendere sostanzialmente una cosa) ciò che cosa non è per sua natura, un embrione di essere umano appunto. E per quanto la legge 40 si sforzi di definirlo “soggetto giuridico”, l’embrione, una volta disgiunto dal corpo della donna, diventa un’entità quasi invisibile rinchiusa in una provetta, che finisce per essere percepita come qualcosa di diverso da un soggetto che diverrà bambino. L’aver consentito che la vita possa prodursi in provetta finisce per mettere a repentaglio la vita stessa e, dunque, una legge che legittima tale situazione non può certo definirsi “buona”. AG