BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

POLEMICA/ La Lega al Vaticano: «Basta ingerenze o addio concordato»

L’ultimatum del Carroccio alla Santa Sede è apparso sul quotidiano leghista “La Padania” in un articolo dal titolo “Strane ingerenze ideologiche in uno Stato laico”

Non c’è tregua nello scambio di battute tra Lega e gerarchie cattoliche. L’ultima notizia arriva dalle colonne del quotidiano “La Padania”, organo d’informazione del partito di Umberto Bossi. L’articolo, intitolato “Strane ingerenze ideologiche in uno Stato laico”, suona come un ultimatum nei confronti della Santa Sede, a cui viene intimato quanto segue «Basta ingerenze o addio concordato». Le parole affermate ieri da monsignor Vegliò e dirette a Roberto Calderoli sono bollate come «l’ultimo episodio di una lunga serie di ingerenze ideologiche e squisitamente politiche da parte di uomini delle gerarchie ecclesiastiche nelle faccende di uno Stato che, fino a prova contraria, è laico».

L’articolo, firmato da Stefano B. Galli, prosegue poi con un avvertimento quantomai chiaro: «Se i rapporti fra lo Stato e la Chiesa andranno avanti lungo questa deriva, ossia le gerarchie ecclesiastiche proseguiranno in questa politica marcatamente interventista nei confronti delle decisioni e degli orientamenti della politica e delle istituzioni al di là di ogni ragionevole confine di neutralità delle rispettive sfere di intervento bisognerà inserire nell’agenda delle riforme anche una revisione di Concordato e Patti Lateranensi. Non ci pare il caso».

© Riproduzione Riservata.