BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PDL/ Casini: disponibili ad una “santa alleanza” per sganciare la Lega dal governo

Mentre Bossi propone una catena umana di “padani” leghisti sul Po contro l’afflusso di extracomunitari nel Nord del Paese, da Chianciano Casini si dice disponibile ad ogni alleanza tattica anti-Lega

È una Catena umana di “padani” leghisti sul Po, da farsi il prossimo anno come “monito” contro l’afflusso di extracomunitari nel Nord del Paese. A proporla è Umberto Bossi, da Venezia dove si chiude la tradizionale festa della Lega cominciata alle pendici del Monviso, in risposta alle parole di ieri a lui rivolte da Gianfranco Fini, che aveva detto “negare i diritti degli immigrati è suicidio della ragione”. Continua dunque lo scontro al vetriolo tra il presidente della Camera e il leader leghista.

Ha smorzato i toni Roberto Calderoli: “se non vengono rispettati patti e impegni presi dalle forze della maggioranza - ha detto il ministro - la Lega potrebbe aprire una crisi, ma sarebbe da pazzi andare ad elezioni anticipate in una fase di crisi economica come questa senza aver portato a termine le molte riforme avviate”.

Nel frattempo da Chianciano il leader Udc Casini rilancia l’ennesimo progetto di Grande Centro. Questa volta, però, in una connotazione diversa: una “santa alleanza” tra tutte le forze politiche disponibili a sganciare la lega dal governo. “Si deve sapere - ha detto Casini, facendo pensare ad un nuovo governo anziché ad elezioni in caso di rottura Berlusconi-Fini-Bossi - che in Parlamento c’è una maggioranza molto ampia pronta a fermare il dilagare della Lega che condiziona il Governo”.

© Riproduzione Riservata.