BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ULTIMATUM/ Violante: Berlusconi faccia un passo indietro o si va a referendum

Pubblicazione:

violante_profiloR375.jpg

Siamo di fatto passati da un sistema a tre poteri a un sistema a due: governo e magistratura. Ma poiché sono due poteri, o c’è la diarchia o c’è lo scontro. Ecco perché abbiamo difficoltà a gestire il problema della giustizia: manca un soggetto terzo dello Stato effettivamente rappresentante dei bisogni e delle esigenze generali del paese. Ora nessuno fa questo, perchè il governo rappresenta la maggioranza e non il paese.

 

Il rapporto tra la Camera e un Senato federale, così come è concepito nella Bozza Violante, non pone più problemi di quelli che risolve? Lei lo escludeva anche dal rapporto fiduciario con il governo.

 

La ringrazio della domanda. È vero, il modo di costruzione dei poteri del Senato è un punto debole della bozza che porta il mio nome. Ma resto convinto che alla Camera spetti la rappresentanza generale della nazione, e che al Senato il governo dei rapporti stato regioni.

 

Di Pietro rappresenta un forte condizionamento per il Pd e sembra ridurne notevolmente i margini di manovra e di iniziativa politica. È così?

 

In tutte le coalizioni c’è un problema: il centrodestra ha i suoi e noi abbiamo i nostri. Io personalmente non mi ritrovo in moltissime delle posizioni di Di Pietro. Sta di fatto che Di Pietro è una forza dell’opposizione, e spetta al maggior partito di opposizione di costruire un rapporto costruttivo con l’Idv. Anche se devo riconoscere che è una cosa abbastanza complicata.

 

La regione Puglia può rappresentare davvero il laboratorio politico per il nuovo centrosinistra allargato all’Udc, e senza posizioni estreme alla Vendola?

 

Non mi pare che Vendola lo si possa definire su posizioni estreme, anzi mi pare che abbia governato bene. Si può essere più o meno d’accordo sulla nuova coalizione che si sta facendo, nella quale ci sarebbero tanto Di Pietro quanto l’Udc. Ma sono cose regionali che non vanno esagerate a livello nazionale. Non c’è una strategia nazionale, perché l’Udc da qualche parte va con il centrodestra, da qualche altra parte con il centrosinistra e da altre parti va da sola.

 

Come giudica la proposta di Calderoli per una Convenzione per agevolare il cammino delle riforme  senza che subiscano lo stop delle regionali?

 

 

CONTINUA A LEGGERE L’INTERVISTA, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >