BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

WELFARE/ Le quattro priorità per l'Italia dopo la “lezione britannica”

Pubblicazione:

cabineinglesiR375_29gen10.jpg

 

Tuttavia, ci pare sia mancata un’idea forte e unitaria sul possibile ruolo “congiunto” di queste linee di intervento. Così, i cittadini possono valutare alcuni servizi, ma non possono sceglierne di alternativi; in altri casi, le strutture sono valutate sulle proprie performance, ma i cittadini non conoscono i risultati di tali valutazioni; in altri casi ancora, gli utenti hanno libertà di scelta su alcuni servizi, ma non hanno a disposizione informazioni adeguate, o non possono valutare i fornitori del servizio.

 

Il Governo italiano ha ora, a valle della riflessione avviata sul proprio Libro bianco, la possibilità di introdurre cambiamenti nella produzione e nella erogazione dei servizi di welfare. Ci auguriamo che, nel farlo, tenga in considerazione non solo la complessità dei bisogni da aiutare, ma anche la possibile varietà di strumenti con cui intervenire.

 

Ps. La proposta inglese ha voluto evidenziare, nel suo Discussion Paper, come il miglioramento dei servizi di welfare non sia avvenuto, nel passato, solamente attraverso un aumento delle risorse investite nel settore – che pure vi è stato. Ci pare che questa consapevolezza sia particolarmente importante per informare la discussione nel nostro Paese. Tale approccio, infatti, ricorda la necessità di avviare politiche di spesa più oculate, anche aumentando la quantità di risorse destinate ai servizi di welfare; al contempo, tuttavia, suggerisce la necessità di investigare anche le altre determinanti del successo delle politiche di welfare (fattori organizzativi, istituzionali, qualità delle risorse umane, ecc.). In caso contrario, si rischia di addentrarsi unicamente in un dibattito, piuttosto sterile, fondato solo sulla contrattazione, tra Governo e parti sociali, delle risorse disponibili. Non è forse finito il tempo di discutere del quanto spendere per i servizi di welfare; di certo, però, è arrivato il tempo di interrogarsi sul come spendere al meglio.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.