BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ 2. Una "strana alleanza" può salvare Berlusconi da Fini e Napolitano

Pubblicazione:

FiniNapolitanoAlfanoR400.jpg


Una cosa è certa, però. Ora il partito Fini lo ha fatto, o meglio è costretto a farlo, ed è ben ingenuo dopo aver tentato - ripetutamente - di atterrarlo pensare che lui possa suonare lo stesso spartito esponendosi, con il suo labile elettorato potenziale (tutto legato alla fragile struttura della Rete) alla facile accusa di aver fatto tanto chiasso per acconciarsi, alla fine, a digerire ogni cosa da Pdl e Lega.

Accusa già risuonata, per Fini, ora che ha acconsentito al lodo Alfano retroattivo. Ma poi si è voluto - anche lì - strafare. Non solo retroattivo, ma anche reiterato. Cerchiamo di spiegare. Retroattivo, passi. Nessuno scandalo. Se uno scudo lo si deve dare al presidente del Consiglio, finché resta tale, non serve distinguere sulla genesi temporale del processo. Ma reiterarlo, perché? E le cose macchinose, come sempre, autorizzano le più subdole delle interpretazioni. Ed eccola, la più subdola di tutte: se si andasse al voto, magari dopo aver consumato definitivamente la rottura Pdl-Fini, si costringerebbe quest’ultimo ad allearsi con il Terzo Polo (Udc, Rutelli e magari qualcun altro, tipo Montezemolo).

In un simile scenario, per niente da scartare, con la legge elettorale che vige per la Camera e il mega-premio di maggioranza che prevede per la coalizione più votata (anche, in ipotesi, con un 35-40 per cento), Pdl e Lega vincerebbero di sicuro, essendo davvero difficile ipotizzare che tutti gli altri possano dar vita a una coalizione-armata Brancaleone contrapposta. Ma al Senato, dove vige un altro sistema elettorale, un Terzo polo che superi in tutte le regioni la soglia prevista dell’otto per cento prenderebbe un cospicuo numero di senatori e sarebbe determinante, con tutta probabilità.

Questo dicono tutti i sondaggi, anche quelli in mano a Berlusconi: una verità complicata da raccontare e scomoda per tutti perché spariglierebbe i giochi, e infatti nessuno la racconta. Ma nei Palazzi, lontani dalla gente (altro che servire il popolo) qualcuno ha fatto i conti che, sommando deputati e senatori (perché il presidente della Repubblica si elegge con le Camere riunite in seduta comune) in questo quadro, Pdl-Lega avrebbero comunque la maggioranza per la corsa al Quirinale, nelle sedute comuni, perché i deputati sono il doppio dei senatori.


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >


COMMENTI
26/10/2010 - Scommessa (Giuseppe Crippa)

Sono pronto a scommettere che se Berlusconi fosse nella Commissione Europea a Strasburgo, Pdl, Fli e Udc, che sono insieme nel Partito popolare europeo, litigherebbero anche lì.

 
26/10/2010 - Berlusconi e i suoi (luisella martin)

Anni fa, dopo essermi iscritta al PD proprio a causa della discesa in campo di Berlusconi,accadde che vedessi i politici di sinistra da vicino e mi accorgessi dei troppi errori della sinistra.Ne scrissi a Berlusconi che gentilmente rispose. Allora era difficile iscriversi ai club di Forza Italia perché si diceva fossero necessarie cospicue rendite. Due mie colleghe di scuola,del resto,personaggi importanti del movimento politico(una era sorella di un senatore)scoraggiarono i miei tentativi di contribuire alle riforme sulla scuola esponendo le mie sperimentazioni didattiche, affermando che non c'era bisogno della mia presenza e che avrebbero riferito loro sui miei metodi(che per altro osteggiavano in vari modi)... Berlusconi ha creduto di poter vincere,con il suo carisma, il teatrino della politica, ma ha fallito perché le sue aspettative erano davvero a servizio del popolo,mentre le aspettative degli altri(Forza Italia, Alleanza nazionale ed UDC)erano rivolte verso la realizzazione personale nel partito. Perciò io credo che Berlusconi non debba essere salvato da Fini o da Napolitano, ma dai suoi,da coloro che lo consigliano,che insistono col volerlo preservare dai processi,forzando l'opinione pubblica...Chiarissimo l'articolo! Se poi Berlusconi non sarà eletto presidente della Repubblica,quanti i contenti! Mi sono chiesta come faccia a sopportare tante calunnie quotidiane e spero per lui che lasci la poltrona a qualche teatrante...