BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LODO ALFANO/ Baldassarre: ecco perché a Berlusconi conviene la proposta di Fini

Pubblicazione:

Silvio Berlusconi (Imagoeconomica)  Silvio Berlusconi (Imagoeconomica)

La novità di ieri, dopo un’estenuante trattativa non ancora conclusa sul lodo Alfano è l’ipotesi annunciata dai senatori Pdl Vizzini e Boscetto: un lodo automatico e rinunciabile sia per il premier che per il presidente della Repubblica, senza però risolvere il nodo della reiterabilità, il punto ritenuto decisivo da Fli. La risposta dei finiani non si è fatta attendere: se il lodo è reiterabile - hanno detto Bongiorno e Viespoli - non avrà i voti di Futuro e libertà.

Fli, nel merito, chiede una sospensione dei processi che valga una volta sola e che non si applichi al caso di successiva investitura, nella stessa o in altra carica o funzione, anche nel corso della medesima legislatura. Traduzione: se si trovasse l’accordo su quest’ipotesi, il premier potrebbe giovarsi dello scudo per questa sola legislatura e una sola volta: se si dovesse, per ipotesi di scuola, arrivare ad una crisi e ad un reincarico egli non avrebbe più la copertura giudiziaria, che risulterebbe dunque “bruciata”.

 

Un’ipotesi “minima” e una “massima”, professore. Secondo lei quale sarà destinata a prevalere?

 

Siamo nell’ambito della sola discrezionalità politica. Da un punto di vista costituzionalistico, che è quello dal quale sto parlando, c’è poco da osservare. Tutto dipende dalle scelte del legislatore, che devono essere però ragionevoli. È meglio comunque che sia previsto un automatismo, perché il voto del Parlamento, sotto il profilo costituzionale, creerebbe dei problemi.

 

Spieghi meglio al lettore questo punto, professore.

 

Lo scudo se introdotto deve operare per effetto della legge: non può esserci bisogno di una delibera parlamentare che dica sì o no all’attribuzione di questa difesa a chi occupa la carica di presidente del Consiglio o di presidente della Repubblica. Questo mi sembra un passo avanti rispetto alla scorsa settimana. Sul fatto della reiterabilità, cioè sulla godibilità della garanzia una volta sola, mi pare che sia una giusta pretesa al fine di evitare un’immunità a vita nel caso che un politico venga ripetutamente eletto.

 

Dopo che sulla reiterabilità Fini ha minacciato la crisi di governo, il Pdl ha fatto marcia indietro...

 

Allo stato in cui siamo, qualsiasi motivo può essere buono per andare avanti o per dare un pretesto alla rottura. Non si può realmente dire nulla a priori, e tutto dipende dalle forze politiche. I rapporti sono tesi e questo condizionerà inevitabilmente la soluzione che, ripeto, può essere solo politica.

  

Il 14 dicembre la Consulta si pronuncerà sul legittimo impedimento. Cosa potrebbe succedere se il capo del governo dovesse rimanere senza uno scudo?


  PAG. SUCC. >