BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CASO RUBY/ Bossi: “Altro che Bunga Bunga. Il vero scandalo è il concorso per notai di Roma”

BossiPolentaRomaR400.jpg (Foto)

 
In ogni caso, secondo Bossi, che sottolinea che il caso Ruby non incrinerà i suoi rapporti con Berlusconi, il premier avrebbe peccato, quantomeno, di leggerezza: «Doveva essere un po' più furbo, quella telefonata poteva farla fare ad un altro», dice il Senatùr. «Non so niente mi pare che non ci sia niente di penale. E' chiaro che Berlusconi poteva farla fare ad un altro»,. Ad esempio « chiamava me, chiamava Maroni... E' meglio non farla quella scelta lì», ha concluso.

 

Leggi anche: SCANDALO RUBY/ Fini: se è tutto vero Berlusconi faccia un passo indietro

 

Leggi anche: SCENARIO/ Follini (Pd): pronti alle larghe intese senza Vendola e Di Pietro

© Riproduzione Riservata.