BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

FORUM/ A che serve l'Intergruppo in questa "guerra" politica?

LupiBersaniR400.jpg(Foto)


«Le differenze restano - sottolinea il leghista Massimo Polledri -. Noi parliamo di “famiglia”, mentre a sinistra c’è chi parla di “famiglie”. Non è un dettaglio. Detto questo, senza confusione, né sconti su valori, anche noi della Lega avvertiamo il dovere del dialogo, perché nessuno ha la verità in tasca. Serve una politica che guardi più in là del dopodomani e che sappia affrontare le sfide a cui vengono sottoposte le famiglie e la rivoluzione generazionale che stiamo attraversando. All’appello, rispetto agli anni Settanta, mancano 7.000.000 di giovani, mentre il tema delle “culle vuote” veniva sollevato già da Papa Giovanni Paolo II. Chi non vuole rassegnarsi deve adoperarsi per individuare nuove soluzioni».

Ma l’Intergruppo può fare ancora di più, secondo Ermete Realacci (Pd): «È un soggetto che, per il valore che ha, è ancora troppo debole. L’iniziativa del 5 per mille, ad esempio, è stata drasticamente ridotta dai tagli e le organizzazioni che operano nella società ne soffriranno molto. Lo vorrei più ambizioso perché il senso dell’Intergruppo, fin dalla sua nascita, è sempre stato quello di ragionare sui fondamentali, su ciò che tiene assieme l’Italia. E ancora oggi è uno strumento importantissimo che legge la politica con l’occhio delle persone, della comunità e dei territori, alla luce del principio di sussidiarietà. C’è ancora più bisogno di tutto questo, in un momento in cui sembra ancora più difficile scommettere sull’Italia. Non resta che tornare al lavoro, perché, come insegna un proverbio africano: “Da soli si va più veloci, ma insieme si va più lontano…”».

(Carlo Melato)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
18/11/2010 - una bella notizia (nicola itri)

Quella di questo convegno dell'intergruppo parlamentare è veramente una notizia della quale non si può non gioire! In un momento di forte crisi politica, dove sembra che le ragioni urlate dei reciproci schieramenti prevalgono sull'esigenza di costruire il bene comune,per fortuna ci sono dei politici che hanno, ancor oggi, la volontà di costruire, portando dei contenuti positivi, e non si limitano a gettare fango all'opposto contendente politico! Chiunque ha la responsabilità di governo spero si faccia carico e faccia tesoro di questa preziosissima esperienza e nello stesso tempo mi auguro che tutti i cittadini siano informati di questa fondamentale iniziativa.