BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RIFORMA DELLE PENSIONI/ La denuncia di Pittella: il governo innalza l’età a 67 anni

Pubblicazione:

Operaio_PulsantiR400.jpg

 Questo perché «l'accesso al pensionamento di anzianità ordinario è stato fissato a 65 anni per gli uomini e a 60 per le donne nel settore privato», mentre «nel pubblico impiego il requisito anagrafico è stato incrementato dai 60 nel 2009 ai 61 nel biennio 2010-2011, per essere ulteriormente elevato a 65 anni dal primo gennaio 2012». Tuttavia, il meccanismo sposta ulteriormente la data del pensionamento effettivo. «Una volta maturato il requisito – spiega Pittella - per l'accesso al pensionamento di vecchiaia ordinario l'effettiva decorrenza della pensione è ulteriormente posticipata di 12 mesi per i lavoratori dipendenti e di 18 mesi per i lavoratori autonomi e questo vale anche per chi ha maturato 40 anni di versamenti».



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
22/11/2010 - e i disoccupati? (dino ballarin)

Nessuno ha parlato di questa riforma che tocca le tasche dei contribuenti! Sindacati politici imprenditori si sono messi d'accordo per truffare i cittadini che hanno sempre lavorato e mantenuto questo paese. I soldi delle pensioni sono le rendite dei contributi versati in una vita lavorativa e sono tanti che non sono a disposizione dello stato, non è scritto da nessuna parte, ma sono di chi li ha versati! ogni lavoratore con almeno 35 anni di contribuzione ha nelle casse dell'Inps contributi versati da 350.000 € in su che basterebbero per vivere dignitosamente con la sua famiglia fino alla morte ne avanzerebbero anche. pensate a un disoccupato che ha un'aspettativa di pensione di 1000 €/mese perderà per lo slittamento 13.000 € poi ci sono i cassaintegrati in deroga e quelli in mobilità ecc. Ci stiamo organizzando per restituire le tessere elettorali e siamo fortemente contrari a questi politici corrotti che ci stanno derubando legalmente. Pittella è una mosca rara per aver preso le difese dei lavoratori ai suoi colleghi destra e sinistra non gliene frega niente basta avere la poltrona e una pensione solo dopo una legislatura pagata coi nostri soldi. Ricordate Prodi è stato il primo a avere messo la finestra alla vecchiaia beh Mr. mortadella non ha mai piegato la schiena in una fabbrica o tirato avanti la famiglia con uno stipendio da operaio. Se lo stato mi ritorna i contributi versati io rinuncio alla pensione !!