BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Antonini: il sud è come la Germania Est, serve il federalismo "a punti"

Pubblicazione:giovedì 25 novembre 2010

Foto: Imagoeconomica Foto: Imagoeconomica

È utile precisare che in Germania, al momento della riunificazione, non si diede subito un identico federalismo ai Länder orientali - che non sarebbero stati in grado di gestirlo - ma venne creata un agenzia centrale che riportò nel tempo l’Est ai livelli attuali (oggi è proprio l’Est a tirare la ripresa della Germania). L’ideologia dell’uniformità (che Paesi come Francia, Germania e altri hanno quindi sostituito da tempo con forme di decentramento/federalismo differenziato) è oggi sicuramente un costo: mantenere in regioni virtuose strutture e controlli statali, spesso ad alto tasso di burocrazia, ne rallenta il sistema economico e sociale, produce un inutile costo diretto e un perverso costo indiretto. Si tratta di funzioni e controlli che possono essere regionalizzati, come sta avvenendo in alcune regioni speciali. Al contrario la presenza e i controlli statali vanno decisamente potenziati in altre Regioni, dove proprio la loro mancanza produce costi indiretti enormi.

 

In quest’ottica si tratta di introdurre un federalismo differenziato in senso meritocratico (o se vogliamo “a punti”), legato alla dimostrazione di alcuni indici di efficienza. Si tratta di applicare alle Regioni quel principio del premio per i “capaci e meritevoli” che la Costituzione prevede per il diritto allo studio. Le Regioni capaci e meritevoli hanno titolo a partire per prime, potendo diventare un modello per le altre. Non è trasposizione solo apparentemente indebita: la logica della differenziazione in base ad indici di adeguatezza è l’essenza specifica del principio di sussidiarietà dell’articolo 118 per le funzioni amministrative e dello stesso articolo 116 della Costituzione per quelle legislative. Ad esempio, il Veneto sta lavorando proprio sull’attuazione di questi due principi.

 

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.