BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

BAGNASCO/ Il presidente della CEI: “Siamo angustiati per l’Italia”

bagnascoR400.jpg (Foto)



BAGNASCO CEI ITALIA –
Bagnasco sembra poi suggerire che il federalismo non sia la migliore delle riforme: “La Cei guarda con apprensione profonda al rischio che il Paese si divida non tanto per questa o quella iniziativa di partito, quanto per i trend profondi che attraversano l'Italia e che, ancorandone una parte all'Europa, potrebbero lasciare indietro l'altra parte".

Quindi un forte richiamo ai valori di fronte ai quali lo Stato non può essere neutrale: ''Se uno Stato, in nome di un'ipotetica neutralità o di altri pregiudizi, non si allarmasse a fronte di un prosciugamento dei presupposti etico-culturali cui deve invece attingere se vuole prosperare, come potrà rispondere con solidarietà e giustizia a situazioni e sfide emergenti? Ad esempio, di fronte a ondate di nuovi cittadini che, per età o storia personale, non hanno sufficientemente interiorizzato il codice fondativo della nazione in cui vivono? Oppure a fronte della stessa crisi economico-finanziaria? E come potrebbe la collettività garantirsi una continuità di ideali e una gradualità di evoluzione nei costumi se non c'è l'apporto, sul piano educativo e culturale, di agenzie in grado di ricaricare la riserva interiore e morale di cui ogni Paese necessita nel fronteggiare le spinte più tumultuose quando non le degenerazioni più disinibite?".

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
08/11/2010 - Grazie Cardinale (Diego Perna)

Mi auguro di tutto cuore che questo appello non rimanga inascoltato, penso a coloro che non hanno voce e in ciò che dice il Cardinale Bagnasco riconoscono anche la loro, cosa che non accade più con i politici, tutti, ma proprio tutti quanti compresi. Le idee infatti e le posizioni su una questione o sull'altra, da mantenere ad ogni costo, fanno dimenticare la gente, la persone vere in carne ed ossa, il loro lavoro e le loro fatiche. Rispondere su tutto che è colpa della crisi e della globalizzazione è diventato un alibi non più sopportabile! Gli altri paesi stanno molto meglio di noi e continuano a guardare al futuro, noi ci siamo fermati! Forse dovremmo chiederci a chi giova e conviene tutto ciò.