BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FIDUCIA/ 1. Massimo Franco: Berlusconi-Fini, tra i due litiganti Bossi gode...

Pubblicazione:martedì 14 dicembre 2010

BossiBerlusconiManoR400.jpg (Foto)

Per diverse settimane si è discusso di pallottolieri, “campagne acquisti”, mozioni e “gravidanze politiche”, ora, finalmente, il fatidico 14 dicembre è arrivato. Oggi, infatti, è il "B-day”, il giorno in cui, sia al Senato che alla Camera, si voterà la fiducia al governo Berlusconi.
La vigilia non è stata delle più tranquille, con gli interventi del premier nelle due camere, le trattative serrate nel campo dei finiani, le repliche e le polemiche.

Il Presidente del Consiglio, in ogni caso, ha scelto toni concilianti per rivolgere il suo appello ai deputati passati con Fini. Ha chiesto un ripensamento, facendo leva sulla “strada percorsa insieme, dal ’94 ad oggi”, aprendo poi all’ipotesi di un’alleanza più larga, che raccolga tutti i moderati. «A mio parere - dice Massimo Franco a IlSussidiario.net -, quello del Cavaliere è stato un discorso molto tattico. Si è rivolto infatti all’Udc e al Fli quando non vi erano più margini di trattativa. C’è però un dato politico interessante che emerge dalla giornata di ieri: per la prima volta dopo 16 anni si è rotto, in Parlamento, l’asse Berlusconi-Fini. Non era mai avvenuto prima d’ora. Anche lo scorso 29 settembre, infatti, i due leader erano riusciti in qualche modo a salvaguardare la loro unità».

È d’accordo con chi pensa che il Presidente della Camera sia stato troppo precipitoso nelle sue ultime mosse e che oggi sia in grave difficoltà, al di là di quello che sarà il verdetto numerico di questa mattina?


Non c’è dubbio. Deve affrontare alcuni seri problemi all’interno del proprio gruppo ed è quello che rischia più di tutti di trovarsi alla fine con il cerino in mano. Non solo, negli ultimi giorni l’ex leader di An non ha di certo fatto un bella figura come Presidente della Camera, adottando comportamenti istituzionalmente discutibili. Ha riunito la sua corrente nell’ufficio di presidenza e ha perorato la causa di una crisi extraparlamentare. Il fatto che il berlusconismo abbia in qualche modo legittimato gli errori altrui non mi sembra una valida attenuante.

Tornando alla fiducia, il tempo per le mediazioni, tattiche o sincere, è finito. Tra poche ore dalle camere dovrà uscire un verdetto. Che scenari si aprono, secondo lei, nel caso di una sconfitta o di una vittoria, seppur di misura, del governo?


  PAG. SUCC. >