BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GOVERNO/ Berlusconi: non sarò premier del 2013, spero nascano altri leader...

Pubblicazione:giovedì 23 dicembre 2010

BerlusconiSorridenteCamera_R375.jpg (Foto)


GIUSTIZIA - La conferenza stampa ha affrontato poi il capitolo giustizia: «Il legittimo impedimento tiene conto di tutti i rilievi fatti per le leggi precedenti. C'è un limite all'indecenza e quindi credo che nessuna Corte, seppure con una maggioranza di magistrati provenienti da un'altra area politica, possa arrivare a superare il limite dell'indecenza e arrivare a negare il diritto a chi si occupa del governo Paese di veder diminuità la capacità di difendersi davanti alle accuse di una magistratura politicizzata».

Berlusconi ha dichiarato poi che se il Tribunale di Milano accoglierà la tesi del Pubblico ministero nel processo Mills, sarà la dimostrazione che c'è nella magistratura una «associazione tesa all'eversione».

TERREMOTO ABRUZZO - «Spero di poter arrivare a spostare dal primo gennaio al primio luglio l'inizio del pagamento delle tasse» ha annunciato il premier partendo dal terremoto abruzzese, dopo le proteste per l'esclusione della proroga nel decreto di fine anno. «È ancora in discussione», se la proroga «debba riguardare le aziende con un fatturato fino a un limite o tutte aziende, la ragioneria sta facendo i conti», ha spiegato Berlusconi.

RIFIUTI DI NAPOLI - Sui rifiuti a Napoli il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha dichiarato: «Temo che ci sia un piano politico per non risolvere il problema».
«Non si spiegherebbe altrimenti - ha aggiunto - come si frappongano sempre delle difficoltà: ho ottenuto l'invio di 40 autocompattatori dai sindaci delle più grandi città; abbiamo impiegato 250 persone dell'Esercito con quasi 100 mezzi; siamo intervenuti sui Prefetti e e sui presidenti delle Province ottenendo impegni formali a ricevere rifiuti in più nei loro impianti. Sono personalmente convinto che ci sia una volontà precisa per dimostrare urbi et orbi per dimostrare che l'intervento del governo non è stato davvero risolutivo».



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.