BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARIO/ Casini scarica Berlusconi e studia da leader della sinistra

PEPPINO CALDAROLA analizza per ilsussidiario.net i nodi politici che dovranno essere sciolti da qui al 28 marzo e gli scenari che si potrebbero aprire dal giorno dopo le elezioni regionali

CasiniConvegno_R375.jpg (Foto)

Dopo una lunga fase nella quale ha tenuto banco la scelta dei candidati per le regionali all’interno degli schieramenti torna in primo piano il tema della giustizia. L’“operazione scudo giudiziario” è infatti iniziata e non mancherà di infiammare ancor di più la campagna elettorale dei prossimi due mesi. Peppino Caldarola analizza per ilsussidiario.net i nodi politici che dovranno essere sciolti da qui al 28 marzo e gli scenari che si potrebbero aprire dal giorno dopo le elezioni regionali.

La Camera ha dato il via libera, tra le polemiche, al legittimo impedimento. Circola l’ipotesi secondo la quale i due schieramenti potranno però trovare un’intesa sull’immunità parlamentare dopo le regionali. La ritiene credibile?

Penso di sì, anche alla luce delle dichiarazioni favorevoli del vicepresidente del Csm, Nicola Mancino. L’immunità parlamentare è un tema controverso, che però ha molti proseliti anche nel centrosinistra. Non dimentichiamo che Franca Chiaromonte e Luigi Compagna, entrambi del Pd, hanno presentato una proposta interessante in questo senso. Non ci saranno invece accordi sul processo breve e il legittimo impedimento. La maggioranza, con i numeri a sua disposizione, non ne ha bisogno.

Se la maggioranza riuscisse a ottenere lo “scudo giudiziario” e il risultato delle regionali non fosse destabilizzante per il Pd la legislatura potrebbe concludersi in un clima diverso, all’insegna delle riforme?

Il fatto che dopo le Regionali avremo davanti a noi tre anni senza appuntamenti elettorali aiuterà sicuramente ad abbassare la tensione. Non credo, tra le altre cose, che il Pd andrà incontro a un risultato disastroso. Ha ottime possibilità di tenersi strette le “regioni rosse” e di spuntarla almeno in una regione tra Piemonte, Puglia, Lazio e Liguria.

Il Pdl, inizialmente dato per favorito, sembra non essere in grado di approfittare degli sbandamenti degli avversari e per la prima volta Berlusconi si ritrova delle candidature che in qualche modo gli sono state imposte. Cosa sta succedendo nel Popolo della Libertà?

In parte, anche all’interno del partito, si inizia a ragionare in ottica post-berlusconiana cercando di strutturare il partito, anche se il dato interessante è il mutamento dei rapporti tra Berlusconi e Fini. Tra i due per mesi ha tenuto banco una lunga fase di scontro, oggi sono alleati contro quello che viene definito il “correntone doroteo”.

Cosa intende?

 

CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE LA LETTURA DELL'ARTICOLO


COMMENTI
06/02/2010 - Contorsionismi. (Alberto Pennati)

Non credo occorra accampare scuse, tirando in ballo persino l'odio, per giustificare prese di posizione. L'Udc crede sia opportuno fare la politica dei "due forni" (uso questo termine per intendersi). Ho sempre considerato disdicevole questa tattica politica, semplicemente per il fatto che se una persona ha dei principi, delle idee, dei valori non è possibile ritrovarli indifferentente a sinistra e a destra (e quindi o sbagliava prima che era nel centro-destra oppure è errata la politica più recente). A me invece fanno molto pensare coloro che cambiano spesso nome; potrei dire che non hanno ben presente la propria identità. Beh, poi sulle "stesse facce", credo che l'on. Casini faccia politica da un bel pò di tempo, più di quanto la faccia, per esempio, Bossi. Infine, è una vera notizia che Berlusconi "sia costretto" a fare qualcosa da qualcun altro. Saluto cordialmente, e lo invito a meditare, il Sig. Crippa.

 
06/02/2010 - A proposito di forni… (Giuseppe Crippa)

Non concordo affatto sulla previsione di Caldarola riguardo al le future alleanze dell’UdC, e per la verità neppure sulla formulazione della domanda, che definisce “ambiguità” scelte ampiamente motivate ma purtroppo non comprese da chi concepisce il mondo soltanto come diviso tra amici e nemici. Che l’UdC sia in questo momento il partito più odiato dalla Lega – il partito presente da più tempo in Parlamento con lo stesso nome e le stesse facce – dovrebbe far pensare. Vedremo tra tre anni a che livelli arriverà questo odio e se la Lega riuscirà a costringere il PdL a chiudere il suo forno in faccia all’UdC.

 
05/02/2010 - Attenzione Casini! (Alberto Pennati)

Se veramente l'Udc dovesse scegliere di stare a sinistra, avrebbe stessa sorte dei "cattolici" andati subito da quella parte: alla fine, sparirebbe.