BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VIDEO YOUTUBE CONGRESSO IDV/ L'intervento di De Magistris: voto Di Pietro. Ma ho 20 anni meno di lui

Pubblicazione:sabato 6 febbraio 2010

DE-magistrisR375.jpg (Foto)

DE MAGISTRIS LEADER AL CONGRESSO DELL'IDV - Il congresso dell'Italia dei Valori consacra Luigi de Magistris come unico alter-ego di Antonio Di Pietro, l'unico in grado di strappargli la leadership del partito. Luigi de Magistris ha parlato poco, poco più di un quarto d'ora. Ma non ha lasciato dubbi in merito alla sua posizione e alle proprie ambizioni. «Io voto la mozione di Di Pietro», ha detto l'ex Pm dell'inchiesta Why not durante il congresso dell'Idv. Non lasciandosi, tuttavia sfuggire l'occasione per ricordare che «le minoranze del partito hanno diritto ad esprimere il loro dissenso». Ed ha aggiunto «Caro Tonino, per tua sfortuna e mia fortuna io sono vent’anni più giovane di te». Il messaggio è chiaro: Luigi De Magistris appoggia di Pietro, e non si candida ufficialmente alla guida dell'Idv, presentando una propria mozione, solo per non bruciare le tappe.

 

IL GIOCO DE MAGISTRIS - Luigi De Magistris nel suo discorso al congresso dell'Idv ha, tuttavia, speso più di una parola per difendere Di Pietro dalle recenti accuse che gli sono mosse contro. «Nel '92 consegnavo gli scritti per il concorso il magistratura» - ricorda De Magistris - «Di Pietro era un mito e ci siamo detti, chi l'avrebbe detto che ci saremmo trovati insieme. Certo, se lui, come leggo in questi giorni, era collegato alla Cia, al Mossad o a chissà quale soggetto destabilizzante, allora anche io devo essere una cellula di qualcosa. Magari dei cubani, visto che guardo più a sinistra».

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO

CON I VIDEO DI YOUTUBE

DELL'INTERVENTO DI DE MAGISTRIS AL CONGRESSO DELL'IDV,

CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO

 


  PAG. SUCC. >