BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

YOUTUBE/ Video - Berlusconi litiga con il “giornalista contestatore” Rocco Carlomagno e lo fa cacciare dalla conferenza stampa

Pubblicazione:mercoledì 10 marzo 2010

Berlusconi_ContestatoreR375.jpg (Foto)

A questo punto qualcuno nella sala ha fatto anche notare che Carlomagno non è un giornalista. E Berlusconi ne ha approfittato per dire: “È un provocatore, tutto qui”. Mentre La Russa inveiva contro l’uomo che cercava di spiegare di essere un freelance. Carlomagno ha continuato a interrompere il Premier che gli ha quindi detto: “Lei si sta rendendo non solo volgare, ma anche ridicolo”. Da parte sua il “disturbatore” continuava a porre domande sullo scandalo degli appalti che ha travolto Guido Bertolaso.

A questo punto Berlusconi, sempre con il sorriso sulle labbra, ha detto: “Capisco che lei sia così arrabbiato, e sa perché? Perché penso che tutte le mattine se va a pettinarsi davanti allo specchio lei si vede e si è già rovinato la giornata”.

Alla fine Berlusconi ha dovuto dire: ''Questa è una conferenza stampa per i giornalisti e non per gli individui come lei. Buon lavoro a tutti e grazie''. E così si è alzato dal tavolo. E prima di andarsene ha dichiarato: “Vorrei fare un’ultima osservazione. Vede, a nessuno di noi passerebbe neppure per la testa di andare a disturbare una conferenza stampa di un leader della sinistra in un momento come questo. Questo dimostra la sua assoluta antidemocraticità e illiberalità e per questo mi sono permesso di dirle 'Si vergogni'. Glielo ripeto con convinzione”. “Questa è la sinistra con cui abbiamo a che fare. Bravo!” ha detto poi lontano dai microfoni mentre si faceva fotografare con Renata Polverini.

Carlomagno avrebbe nel frattempo detto a La Russa che aveva vicino: ''Ho fatto semplicemente delle domande, giù le mani picchiatore fascista! Io la querelo per aggressione fisica''.

 

 PER GUARDARE IL VIDEO DELLA LITE TRA BERLUSCONI E IL “GIORNALISTA CONTESTATORE” ROCCO CARLOMAGNO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >

COMMENTI
11/03/2010 - Un decreto interpretativo sulle domande da fare (Franco Labella)

Si potrebbe suggerire al Governo l'adozione di un decreto interpretativo che chiarisca quali domande si possono porre e quali no. E poi: entra un giornalista non accreditato? Possibile? Danno i passi a chiunque? Mica siamo a Palazzo Grazioli.... Franco Labella

 
11/03/2010 - Grande lezione di civiltà (DARIO BURIELLI)

Come sempre ai contenuti si cerca di sostituire i toni. Chi non sa più cosa dire lo urla. Strepitoso La Russa, un ministro che personalmente si alza dal tavolo e và fisicamente ad allontanare il provocatore Carlomagno. Tutti in piazza il 20 marzo per dire alla sinistra che le elezioni si vincono nei seggi e non nei TAR. Saluti.

 
10/03/2010 - scorretto ?? (orazio gerosa)

l'espressione di La Russa e con il pugno chiuso dove solleva il contestatore dice tutto sull'origine e scuola di provenienza !

 
10/03/2010 - Si è alzato quindi il ministro della Difesa (ennio rossi)

"Si è alzato quindi il ministro della Difesa Ignazio La Russa che è andato verso l’uomo per cercarlo di calmarlo." Non mi sembra che sia andata proprio così il ministro lo ha preso un po' per il collo con qualche pacca sulle spalle. Il suo tono mi è sembrato alquanto violento e, per un ministro che non è una guardia del corpo, mi sembrato piuttosto scorretto.