BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

IL CASO/ Il governo regala 6 mesi di cassa integrazione all'opposizione

camera_esternoR375_6set08.jpg(Foto)

L’operazione ha un riscontro inatteso e imprevedibile sui media e soprattutto incontra una valutazione fortemente contraria da parte del ministro Sacconi, il quale non esita a rendere pubblico il suo dissenso. Sul piano del metodo è difficile dare torto al ministro. Il relatore non lo aveva informato della sua intenzione di intervenire sulla cig ordinaria (anche se gli uffici erano al corrente).

 

Al momento del voto il rappresentante del Governo era atteso in Commissione ma non gli era stato possibile partecipare. Non sembra a chi scrive conveniente, tuttavia, aver espresso un’opinione contraria prima ancora che la Commissione bilancio si pronunciasse (e prima delle elezioni). In questo modo non ci ha guadagnato nessuno: la maggioranza della Commissione Lavoro è stata sconfessata dal ministro, il quale, a sua volta, si è esposto alle critiche dell’opposizione che ha buon gioco a mettere in evidenza i problemi tra la maggioranza e il Governo.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
11/03/2010 - Mentre il medico studia l'ammalato muore (Franco Labella)

Vorrei far osservare a Cazzola che stiamo parlando di CIG, di una misura cioè che serve ad "ammortizzare" gli effetti negativi della crisi. E Cazzola invece di rallegrarsi per la celerità della decisione si mette a discettare sulla "etichetta" istituzionale. Non gli viene il dubbio che in questioni come queste il decisionismo tanto amato da questa maggioranza può essere utile a prescindere da chi o da cosa l'abbia provocato? O trattandosi di una iniziativa dell'opposizione, la cosa è deprecabile? Ma il bene comune non dovrebbe interessare tutti? Ed invece di perder tempo con provvedimenti ad personam , non sarebbe più utile dedicare sforzi ed energia a provvedimenti a valenza generale? Mentre il medico studia e si calendarizzano gli impegni e le procedure, la gente ha difficoltà reali. Ma, forse, Cazzola non l'ha realizzato... Franco Labella