BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

YOUTUBE TALK POLITICI/ La decisione Rai fomenta la polemica tra Porta a Porta, Annozero e Ballarò. E Santoro chiama Vespa "Il mio Gerovital"

Pubblicazione:martedì 2 marzo 2010

Vespa2R375.jpg (Foto)

LA DECISIONE DELLA RAI DI SOSPENDERE I TALK POLITICI - Il Consiglio d’amministrazione della Rai ha deciso a maggioranza che Porta a Porta, Annozero, L'ultima Parola e Ballarò saranno sospesi fino al termine delle elezioni. I conduttori dei rispettivi talk politici sono – ovviamente – infuriati. Michele Santoro lo è più degli altri. E invece di limitarsi a lanciarsi in considerazioni sulla libertà di stampa e mugugnare contro la decisione, come hanno fatto i colleghi, è si prepara alla guerra: «Il 25 marzo proverò ad andare in onda con una vera e propria trasmissione di Annozero. Non so dove - ha detto Michele Santoro durante una conferenza stampa convocata nella sede della Fnsi con altri conduttori (oltre a Michele Santoro c'erano, tra gli altri, Floris, Iacona, Vianello e Paragone in collegamento telefonico).

 

LE POLEMICHE SULLA DECISIONE DI SOSPENDERE I TALK POLITICI - L’ondata di polemiche che scaturiranno dalla decisione del Cda della Rai di sospendere i talk politici fino al termine delle elezioni è probabilmente solo all’inizio. E il botta e risposta tra Michele Santoro e Bruno Vespa sui talk politici è da leggersi come il primo di una serie di episodi.

 

LO SFOGO DI BRUNO VESPA CONTRO MICHELE SANTORO - La querelle ha avuto inizio da Bruno Vespa: «la decisione della Rai, come quella della Vigilanza, hanno un nome e un cognome: Michele Santoro», aveva dichiarato Bruno Vespa in uno sfogo sul Corriere della Sera. «Non potendo sospendere solo Santoro – aveva aggiunto Bruno Vespa - che per decenni ha portato in prima serata programmi in cui la vittima è costantemente la stessa parte politica, che stia al governo o all'opposizione, hanno cancellato anche le nostre trasmissioni».

 

PER BRUNO VESPA MICHELE SANTORO HA "MASSACRATO" LA PAR CONDICIO - Secondo Bruno Vespa, Michele Santoro sarebbe «passato sulla par condicio con il garbo di Attila. Con accenti diversi, l’ha massacrata nell’arco dei decenni. Vorrei che mi si dicesse – ha aggiunto Bruno Vespa - in quale grande tv pubblica e anche privata al mondo esiste un programma di prima serata in cui la vittima è costantemente la stessa parte politica, che stia al governo o all’opposizione».

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO

CON I VIDEO DI YOUTUBE DI MICHELE SANTORO

CHE PARLA DELLO STOP AI TALK POLITICI RAI,

CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO


  PAG. SUCC. >