BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ELEZIONI/ Le 250 firme che condannano la lista per Lombardia di Roberto Formigoni. La Russa: il Tar ci darà ragione

Per la Corte d’Appello le firme mancanti sarebbero 250. Il ministro della Difesa si dice fiducioso nell’intervento del Tar

formigoni_serioR375.jpg (Foto)

Oltre ad aver respinto il ricorso presentato dalla lista “Per la Lombardia di Roberto Formigoni”, l'ufficio centrale regionale della Corte d'Appello di Milano ha anche rigettato la richiesta subordinata di concedere 24 ore di tempo per correggere le irregolarità rilevate. La Corte d'Appello ha poi corretto al ribasso il numero delle firme presentate dalla lista Formigoni che sono scese da 3.935 a 3.628. Da questo numero, si legge nel documento della Corte d'appello, «debbono essere detratte le firme le cui autentiche sono già state ritenute non valide da questo ufficio (514) e che i ricorrenti hanno chiesto di riconsiderare».

Quindi anche se fossero accettate le sentenze del Consiglio di Stato sulla’autentificazione dei consiglieri comunali, le firme valide sarebbero 3.628 meno 514 a cui si aggiungerebbero le 136 firme mancanti del timbro identificativo del Comune. Il numero totale sarebbe di 3.250, al di sotto quindi della soglia minima di 3.500 firme richieste dalla legge per potere presentare una lista.

La Corte di Appello ha infine ritenuto inaccettabile il ricorso anche nella parte in cui si parla di interesse pubblico alla presentazione delle liste, «perché l'esercizio di tale diritto non può che svolgersi nel rispetto dei limiti e delle forme previste dalla legge».

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SUL RICORSO DELLA LISTA DI ROBERTO FORMIGONI RESPINTO DALLA CORTE D’APPELLO DI MILANO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO