BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CAOS LISTE/ Video elezioni regionali 2010 - Formigoni: irregolare la decisione della Corte. La lista di Penati? Ho trovato più di 440 irregolarità

Pubblicazione:

formigoni_serioR375.jpg

VIDEO FORMIGONI: LA CORTE HA COMMESSO IRREGOLARITA' - "L'Ufficio elettorale della Corte d'Appello di Milano ha commesso due gravi irregolarità: non poteva accorgliere il ricorso dei Radicali e ha consegnato loro le nostre liste senza neppure avvisarci". Non usa mezzi termini il Presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni ai microfoni di Sky Tg 24 e con un video diffuso sul suo sito (www.formigoni.it) dal quale ha lanciato la campagna "Lasciateci votare Formigoni". Contrattacca, Roberto Formigoni, i suoi avversari "amministrativi" (l'Ufficio Elettorale della corte d'Appello di Milano) e quelli politici (leggi Filippo Penati).

 

"La corte d'appello di Milano aveva in un primo tempo approvato le liste a me collegate, e con questo aveva esaurito il suo compito. Per legge non avrebbe potuto compiere alcun atto, perché così stabilisce la legge, invece in modo del tutto irregolare, ha accolto il ricorso dei Radicali compiendo una seconda verifica non autorizzata e - ancor di più ha consegnato ai radicali le nostre liste per almeno dodici ore senza nemmeno avvisarci. Questo fa presumere che ci siano state manovre manipolatorie sulle nostre liste. Ad esempio, abbiamo verificato che ben 51 certificati elettorali, prima presenti (la cui la presenza è stata certificata) sono poi scomparsi. E' un fatto gravissimo per cui sporgeremo denuncia".

 

VIDEO FORMIGONI: GRAVI IRREGOLARITA' NELLA LISTA PENATI - "Noi vogliamo il rispetto delle regole e lo pretendiamo - ha proseguito Formigoni, sempre più battagliero - questa mattina abbiamo cominciato a esaminare, come è nel nostro pieno diritto insieme a rappresentanti del Partito Democratico, le firme della Lista per Penati presidente. Abbiamo riscontrato molte più irregolarità di quelle ascritte a noi e del medesimo tipo: la lista della provincia di Lecco collegata a Penati non reca né data, né luogo dove le firme sono state raccolte, quella della provincia di Varese collegata a Di Pietro, lo stesso, quella dei verdi a Como idem. Dopo aver analizzato solo un quarto delle firme della lista collegata a Penati presidente sono già emerse 448 irregolarità il che significa che questa lista non ha il numero minimo necessario per essere presentata. Insomma la situazione si è ribaltata, il mio listino ha tutte le firme necessarie per partecipare, quella di Penati, no.

 

CLICCA SUL PULSANTE >> QUI SOTTO PER VEDERE IL VIDEO CON LE ACCUSE DI IRREGOLARITA' DI ROBERTO FORMIGONI NEI CONFRONTI DELLA CORTE D'APPELLO DI MILANO E DELLA LISTA DI FILIPPO PENATI



  PAG. SUCC. >